Si rifiutano di indossare la mascherina: calci e pugni sul bus e aggredita una giovane autista

Si rifiutano di indossare la mascherina: calci e pugni sul bus e aggredita una giovane autista
di Danilo SANTORO
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Agosto 2022, 12:39 - Ultimo aggiornamento: 12:47

BRINDISI - Si rifiutano di indossare la mascherina, aggrediscono verbalmente l’autista e con calci e pugni si avventano sul pullman. Panico ieri sera nei pressi di Torre Pozzelle, lungo la costa di Ostuni. Nei pressi della fermata degli autobus di linea gratuiti che servono le località che si trovano lungo il litorale della Città Bianca, un gruppo di turisti ha minacciato la conducente dell’autobus, creando non poco scompiglio anche agli altri utenti. L’autista ha dovuto chiedere l’intervento dei carabinieri per evitare guai peggiori di fronte alla veemenza delle proteste dei vacanzieri. Ira del gruppo dovuta al rifiuto da parte della dipendente di Stp di far salire a bordo dell’autobus gente senza mascherina.

Le regole

Le normative in vigore, infatti, prevedono ancora l’obbligatorietà del dispositivo di protezione all’interno dei mezzi. Davanti alle richieste dell’autista del rispetto delle regole, almeno due gli uomini (ma erano di più i presenti) che avrebbero insistito e aggredito verbalmente la donna cercando ugualmente di salire sul bus, nonostante l’intero gruppo fosse sprovvisto di mascherina. La conducente è riuscita a chiudere gli ingressi automatici e non con poche difficoltà, dopo aver allertato i carabinieri, ha ripreso il servizio. Corse per la costa che sono del tutto gratuite e che servono le località per permettere a residenti estivi e turisti di raggiungere il centro di Ostuni, per poi far ritornare nei luoghi di vacanza. Servizio senza costi nei mesi estivi per gli utenti, già in passato oggetto di episodi di intemperanze spesso di giovani. Questa volta è stato un gruppo di adulti a creare disordini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA