Turista caduto da un balcone: salma in obitorio da 17 giorni in attesa dell'autopsia

Turista caduto da un balcone: salma in obitorio da 17 giorni in attesa dell'autopsia
di Danilo SANTORO
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Agosto 2021, 09:16 - Ultimo aggiornamento: 09:22

OSTUNI - Tempi lunghi per l’autopsia sul corpo di Thomas Bitter, il 53enne turista tedesco deceduto il 15 agosto scorso in un albergo di Ostuni. Da due settimane la salma dell’uomo si trova all’interno dell’obitorio del cimitero della città Bianca. Non è escluso che possa servire ancora una settimana per svolgere l’ autopsia. Tra le date emerse in queste ultime ore, quella dell’8 settembre prossimo, a distanza così di oltre 20 giorni dal decesso di Bitter.

Il perché dei ritardi

Ritardi che sarebbero sorti anche per alcuni intoppi burocratici legati alla residenza fuori dai confini nazionali, o comunque a tutta una serie di atti da notificare. Intanto sono state acquisite le impronte digitali del 53enne, così come c’è già stata una prima ispezione cadaverica da parte del medico legale. Il tutto in attesa dell’ autopsia.
L’uomo è morto a causa delle ferite riportate dopo una caduta da oltre 10 metri. In particolare dalla stanza d’albergo dove soggiornava insieme al suo compagno.

Aperta un'indagine

Il pubblico ministero, titolare del fascicolo Francesco Carluccio sta coordinando l’attività investigativa per ricostruire l’accaduto. Le indagini sono affidate alla Questura di Brindisi, con la Squadra mobile ed il commissariato di Ostuni. Già nell’immediatezza della scoperta le forze dell’ordine hanno comunque acquisito le dichiarazioni di alcune persone che conoscevano l’uomo, tra cui il compagno, con il quale stava trascorrendo le vacanze in Valle D’Itria. Nelle intenzioni dei due qualche giorno di relax nel territorio di Ostuni, a cavallo di Ferragosto. Nella stessa notte la tragedia, con il volo nel vuoto da oltre 10 metri. Al momento, comunque, non ci sono indagati per il decesso del turista. Gli inquirenti però, continuano nella ricerca di elementi utili a mettere insieme un quadro al momento abbastanza complesso.

Un dramma con ancora diversi punti da chiarire per gli investigatori della Città Bianca, che continuano a ritenere valida ogni pista investigativa sulla morte del turista: da un possibile incidente sul balconcino della stanza, al suicidio, ma anche altro. Ed in questa fase potrebbe essere di supporto alle indagini anche il responso dell’ autopsia.

Le indagini

Tra le testimonianze, oltre a quella dell’uomo in vacanza con Bitter, anche quelle relative al personale dell’albergo, che potrebbero circoscrivere le ragioni della morte del turista tedesco, dopo la caduta dal sesto piano, non sulla strada principale, ma in un’area retrostante. Fatale per l’uomo l’impatto violento con l’asfalto. Ogni tentativo di rianimarlo da parte dei sanitari intervenuti è stato inutile. Troppo gravi le ferite riportate dopo la caduta da un’altezza così rilevante. L’allarme è scattato pochi secondi dopo la tragedia. Sul posto anche i vigili del fuoco per le operazioni di recupero della salma, insieme al personale della Polizia di Stato per le indagini. La stessa salma da 17 giorni si trova nell’obitorio del cimitero della Città Bianca in attesa che la magistratura possa chiudere la prima fase di accertamenti e decidere come e se eventualmente proseguire nell’inchiesta. Dopo l’ autopsia il corpo sarà restituito ai familiari per l’eventuale ritorno in Germania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA