Ostuni, malore improvviso addio ad Angelo Iaia fondatore del gruppo Sloow Food

Angelo Iaia
Angelo Iaia
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Aprile 2022, 17:09 - Ultimo aggiornamento: 17:29

Lutto nella politica e nell'associazionismo di Ostuni: è deceduto all’età di 62 anni l’ex consigliere comunale Angelo Iaia. Fatale un malore nella notte tra lunedì e martedì. L’impegno tra i banchi dell’assise cittadina tra la prima e la seconda metà degli anni 90’, ma soprattutto, l’attenzione costante nella valorizzazione del territorio. Iaia è stato tra i fondatori e fiduciario per anni del gruppo Slow Food “Piana degli Ulivi”. Docente di scuola superiore, il 62enne è stato soprattutto formatore ed educatore di tantissimi studenti che hanno avuto modo di apprezzare le sue doti professionali ma anche le virtù morali. Centinaia i messaggi di cordoglio giunti in queste ore alla famiglia.

È morto Gianfranco Belfiore: addio allo storico vignettista de La Carrozza

Il ricordo

Testimonianze di affetto da esponenti della società civile e di rappresentanti istituzionali con cui Iaia ha condiviso esperienze amministrative. Iaia ha rappresentato in consiglio comunale “I Verdi” dove fu eletto nel 1994, mentre nelle consultazioni del 1998 aderì e si candidò con il Partito Popolare. Tra i messaggi di cordoglio alla famiglia quello dell’ex assessore e difensore civico del Comune di Ostuni Mario Monopoli, e dell’ex sindaco della Città Bianca Lorenzo Cirasino. «Chi ha avuto la fortuna e il piacere di conoscerti conserverà un ricordo indelebile della tua serietà e del tuo spirito di servizio uniti alla generosità e giovialità della tua persona». Così in un ricordo di Iaia, l’ex primo cittadino. «Un omaggio doveroso da parte mia per il tuo leale impegno e sincero sostegno politico amministrativo nel mio primo mandato da Sindaco e un grazie particolare per la tua sapiente guida della condotta Slow Food. Alla tua cara Rosa e ai tuoi diletti figli Gianluca ed Ester le condoglianze più sentite».

Lutto nel modo della moda: morto lo stilista brindisino Antonio Maria Martini

© RIPRODUZIONE RISERVATA