Armi, rapine e ricettazione: blitz all'alba, 8 arresti I nomi

Venerdì 15 Maggio 2020 di Danilo Santoro
BRINDISI - Sgominata all'alba una banda dedita alle rapine. I carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni, hanno infatti eseguito tra a Ostuni e Ceglie Messapica, una misura cautelare – emessa dall’Ufficio Gip del Tribunale di Brindisi, su richiesta della locale Procura - nei confronti di 8 persone ritenute responsabili di associazione per delinquere, rapina, detenzione illegale di armi e ricettazione. L’operazione è stata illustrata nel corso di una videoconferenza dei carabinieri.
Tre rapine compiute nello stesso giorno, il 5 marzo. Altri colpi già pianificati fermati però, dai controlli per il Coronavirus. Sono otto, dunque, gli arrestati, tra Ostuni e Ceglie Messápica, nell'operazione "Cani Sciolti". In carcere: Mariano Barnaba (38 anni), Giuseppe Santoro (28 anni) e Francesco Tanzariello (57 anni), tutti di Ostuni. Ai domiciliari i genitori di Barnaba, vale a dire Francesco (60 anni) e Margherita Borsellino (57 anni), così come Oronzo Milone (28 anni) e Gennaro Cantore (49 anni), anche loro di Ostuni. Ai domiciliari anche Rocco Suma (35 anni, di Ceglie). Due, infine, le persone denunciate a piede libero nel corso del blitz di questa mattina. Le accuse a vario titolo sono di associazione a delinquere, rapine, porto e detenzione di armi illegali, anche da guerra.


  Ultimo aggiornamento: 12:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA