Malore in ospedale. Telefonano al 118

Malore in ospedale. Telefonano al 118
Si sente male in ospedale e, per soccorrerlo, chiamano il 118, già impegnato in un altro intervento. Sintetizzando all'osso, è questo quello che è accaduto domenica pomeriggio al quinto piano del presidio ospedaliero Antonio Perrino. Mentre al pronto soccorso del piano terra si facevano i salti mortali per assistere gli utenti “autoctoni” e i profughi sbarcati nella mattina a Sant'Apollinare, con un andirivieni di ambulanze da Costa Morena al punto di frontiera dell'ospedale, al quinto piano, reparto di rianimazione, un uomo, venuto a fare visita al fratello lì ricoverato, ha accusato un malore. 
 
Nel frattempo, facendo un salto di qualche metro, la squadra del 118 di stanza al Perrino era stata inviata dalla centrale di Speziale, nei pressi di Fasano, in uno dei quartieri della città a intervenire per un'insufficienza respiratoria. I soccorritori, come da prassi, sono montati a bordo dell'ambulanza già pronta per partire e, a sirene spiegate, si sono diretti all'indirizzo indicato dalla centrale. Percorsi una manciata di metri, all'altezza dell'incrocio cosiddetto della morte, dove si raccordano le due superstrade statali, sempre via radio, giunge il contrordine: bisogna tornare al Perrino per soccorrere un uomo che ha avuto un malore. 
Tornando in rianimazione, l'uomo in questione è proprio il signore in visita al fratello: dopo aver ricevuto le prime cure, si è reso necessario il trasferimento al pronto soccorso, dove sarebbe stato stabilizzato e si sarebbe deciso il da farsi. Dopo qualche minuto, che deve essere sembrato un'eternità a chi era direttamente coinvolto nella vicenda, non trovandosi nessuno disponibile per il trasporto al piano terra, alla moglie dell'uomo è stato suggerito di chiamare il 118 che, essendo già partito alla volta del paziente con insufficienza respiratoria, ha dovuto ingranare la retromarcia e fare rientro in ospedale. 

La squadra di soccorritori, ovviamente, non ha fatto una piega e si è recata immediatamente e senza fare troppe domande al quinto piano dove, dopo aver suonato il campanello che si trova all'ingresso dell'area riservata ai ricoverati, ha trovato l'uomo su una barella con una flebo attaccata al braccio, in attesa che qualcuno lo accompagnasse agli ascensori, prima, e al pronto soccorso poi. La crisi respiratoria, quella per cui, in uno primo momento, era stata allertata la postazione del 118 del Perrino, non è stata trascurata: il cambio di programma ha coinvolto l'ambulanza della squadra Brindisi Centro, quella che si trova all'ex ospedale Antonino Di Summa, la quale è partita, sostituendo i colleghi. 

Nulla è andato storto, fortunatamente, e tutti hanno agito prima di parlare, nell'interesse delle persone che avevano bisogno di cure. Una riflessione, però, andrebbe fatta: il 118 è un servizio territoriale e, come tale, non dovrebbe occuparsi di quanto accade tra le mura di un ospedale dove, al contrario, dovrebbero esserci figure dedicate a questo tipo di evenienze. Detto che il signore colto dal malore in rianimazione è stato, secondo i racconti di alcuni dei presenti, prontamente soccorso, fa specie che non si sia riusciti a trovare qualcuno che potesse trasferire quello che da visitatore si era trasformato in paziente in un viaggio di appena 5 piani. 

Non ci sono colpe o negligenze, in questo caso: si è riproposta, per come i fatti sono stati presentati, nuovamente l'endemica carenza di personale che non consente un minimo spazio di manovra, nemmeno in situazioni eccezionali e molto rare come quella accaduta domenica pomeriggio al Perrino. A questo punto, si fa osservare nella giungla della burocrazia, se i vertici della sanità regionale non debbano interrogarsi sullo stato delle cose a Brindisi e chiedersi se non sia il caso di somministrare qualche dose in più di personale rispetto a quella già prescritta.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 14 Giugno 2016 - Ultimo aggiornamento: 15-06-2016 07:14