Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brindisi, cadavere sciolto nell'acido: nuova ordinanza per i due omicidi, gli arrestati «rischiano l'ergastolo»

Per le indagini ricostruita la stessa squadra investigativa del 2003

Le ricerche del corpo di Salvatore Cairo
Le ricerche del corpo di Salvatore Cairo
di Roberta GRASSI
4 Minuti di Lettura
Sabato 19 Marzo 2022, 14:56 - Ultimo aggiornamento: 22:09

Dopo la convalida del fermo, ora arriva anche l'ordinanza di custodia cautelare per i fratelli Cosimo ed Enrico Morleo di 57 e 56 anni in carcere dallo scorso 3 marzo perché accusati di omicidio in relazione a  due "cold case", i delitti di Salvatore Cairo e Sergio Spada che sparirono a Brindisi nel maggio del 2000 e nel novembre del 2001. Di Cairo non è stato mai ritrovato il corpo. Secondo gli inquirenti i due furono uccisi perché motivi legati ad interessi economici su società che operavano nel settore dei casalinghi, tra cui una ditta di Cosimo Morleo. Quest'ultimo è ritenuto il mandante dell'uccisione di Cairo e Spada, Enrico Morleo invece l'esecutore materiale. Gli indagati sono in carcere dal tre marzo scorso, quando era stato eseguito il fermo di indiziato di delitto del pm della Dda di Lecce Milto Stefano de Nozza che a seguito di indagini condotte dalla squadra mobile di Brindisi ha contestato a entrambi le aggravanti della premeditazione e del metodo mafioso. 

Brindisi, omicidio Spada-Cairo: arrestati i fretelli Morleo

Il provvedimento 

L'ordinanza di custodia cautelare è del gip Marcello Rizzo. Il «quadro probatorio» a carico dei fratelli Morleo, si legge in una nota della polizia,  è «idoneo a sostenere significativamente accuse di tale portata per le quali, quanto meno per gli aspetti edittali, è previsto l'ergastolo». Secondo le indagini Cairo fu assassinato perché ritenuto responsabile di un ammanco di diversi milioni di lire ai danni di una società di articoli per la casa di cui era socio con Cosimo Morleo e avrebbe costituito poi una propria società nonostante il divieto impostogli. Sarebbe stato ucciso e fatto a pezzi. Spada, invece, sarebbe stato assassinato perché ritenuto responsabile di essersi inserito, sempre nello stesso settore, nel rapporto di esclusiva della sua società e di aver effettuato operazioni commerciali e di compravendita in danno della stessa. 

La svolta dopo 22 anni: sopralluogo sul luogo del probabile omicidio di Salvatore Cairo

Le indagini

Sono due le testimonianze chiave che, insieme ai riscontri, consentirono agli inquirenti di dare una svolta al 'cold case' dei due imprenditori uccisi. Una è quella del fratello dei due indagati, Massimiliano Morleo, che ha deciso di collaborare con la giustizia, l'altra è stata resa da un uomo, che all'epoca dei fatti aveva appena 18 anni, che per motivi di lavoro si trovò nel luogo in cui, stando al suo racconto, il cadavere di Cairo veniva brutalmente fatto a pezzi per poi essere distrutto con il fuoco e con l'acido. Quest'ultimo ha raccontato ai poliziotti della Squadra mobile e al pm di essere stato all'epoca dei fatti minacciato di morte e per questo di non aver mai rivelato quanto aveva visto. A convincerlo a deporre, una volta saputa la verità, è stata la moglie.

Omicidio dei “padellari” Cairo e Spada: a distanza di 20 anni fermati due fratelli a Brindisi. La testimonianza: cadavere fatto a pezzi e sciolto nell'acido

Le intercettazioni

Nel provvedimento di fermo c'erano anche le intercettazioni delle conversazioni di uno dei due indagati che, prima di essere arrestato, rappresentava il timore alla compagna di passare in cella il resto della sua vita. Per condurre le indagini, riaperte dopo la collaborazione di Massimiliano Morleo, è stata ricostruita la stessa squadra investigativa che aveva operato fino al 2003, incluso l'allora capo della Mobile, Vincenzo Zingaro, oggi primo dirigente alla questura di Matera, e che aveva dovuto arrendersi, all'epoca, alla mancanza di elementi certi per procedere. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA