Morto Vittorio Bruno Stamerra, direttore di Quotidiano dal 1981 al 1996

È morto a Brindisi, all'età di 77 anni, Vittorio Bruno Stamerra, giornalista e direttore di Quotidiano dal 1981 al 1996. Da un paio di settimane era ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale "Perrino" di Brindisi. Ieri le sue condizioni sono peggiorate fino a condurlo alla morte nel corso della notte.

Giornalista professionista e redattore del tg Rai della Puglia, Stamerra venne chiamato a dirigere il Quotidiano nel 1981, in un momento particolarmente difficile per la sopravvivenza della testata nata pochi anni prima. Con lui alla guida il giornale riuscì a superare la crisi e a conquistare un ruolo di primo piano nell'editoria pugliese, diventando il primo quotidiano nel Grande Salento. Furono anni di grande cambiamento per il territorio, e Quotidiano si pose come punto di riferimento. E fu, quello, anche il periodo dell'esplosione virulenta della Sacra corona unita. Nel mirino finì anche Stamerra, divenuto obiettivo per l'attenzione con cui il giornale seguiva il fenomeno e l'offensiva scatenata da magistratura e forze dell'ordine: la sera del 10 novembre 1992 la sua villetta estiva di Monticelli, sul litorale ostunese, fu fatta saltare in aria da un ordigno.

Lasciò la direzione di Quotidiano nel 1996, in occasione della sua candidatura al Senato. Elezione che, però, Stamerra mancò sia pure per pochi voti. Negli ultimi anni ha continuato a svolgere l'attività di giornalista, come editorialista della Gazzetta del Mezzogiorno e autore di libri. Aveva fondato anche una casa editrice, la Hobos.

Alla moglie Marida, alle figlie Ornella e Federica e a tutti i parenti giungano le sentite condoglianze della redazione di Quotidiano.
 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 4 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento: 16:44