Sicurezza di strade e scuole, a Brindisi in arrivo una pioggia di milioni

Venerdì 10 Dicembre 2021 di Francesco RIBEZZO PICCININ

Nuove risorse nazionali per edilizia scolastica e manutenzione strade e risparmi su interventi già finanziati: ed ecco che la Provincia di Brindisi si ritrova con un “tesoretto” tutt’altro che trascurabile destinato a mettere in sicurezza le scuole e tutta la viabilità del territorio brindisino. Proprio nei giorni scorsi, infatti, il consiglio provinciale ha preso atto di queste nuove risorse, aggiornando il Programma triennale dei lavori pubblici 2021-2023 con voto unanime di maggioranza ed opposizione. Dopo che l’aula ha preliminarmente votato in maniera favorevole, sempre all’unanimità, su un emendamento presentato dal consigliere di maggioranza Michele Salonna e su un secondo emendamento presentato dai consiglieri di opposizione Susanna Di Maggio, Francescantonio Conte, Adriana Balestra e Maria Zigrino.

 

Le risorse

In tutto, le opere extra inserite nell’annualità 2021 valgono 16.393.331,76 euro. Una cifra considerevole che, come detto, deriva da “sopraggiunte disponibilità di risorse finanziarie per l’attuazione di interventi sull’edilizia scolastica (decreto ministeriale 192/21), che sulla viabilità, destinati alla manutenzione straordinaria di ponti, viadotti e cavalcaferrovia per il triennio 21/23 (Decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 7 maggio 2021, numero 225), oltre che per la possibilità d’utilizzo di risorse rivenienti da economie conseguite su interventi finanziati con fondi statali, dall’avanzo finanziario conseguito, sia con parte destinata agli investimenti che con parte disponibile”. Con queste risorse, dunque, saranno realizzati “ulteriori interventi sia sulla viabilità provinciale che sull’edilizia scolastica”.

 

Le opere

In particolare, “in esito della individuazione dei bisogni, e delle esigenze ritenute prioritarie da soddisfare, gli ulteriori interventi da realizzare, e da riportate nella programmazione della relativa annualità” comprendono lavori di manutenzione straordinaria di ponti, cavalcaferrovia e viadotti lungo la rete stradale provinciale; completamento del collegamento tra sp 74 e sp 66; manutenzione straordinaria degli impianti di pubblica illuminazione; manutenzione straordinaria delle strade provinciali; rifacimento dei tappetini sul tratto Mesagne-San Donaci della ss 605, della sp 69 Torre Santa Susanna-Mesagne, della sp 70 San Donaci-Brindisi, della sp 75 San Pancrazio-Cellino e della sp 49; interventi di ristrutturazione ed adeguamento alle norme di sicurezza delle scuole superiori “Pepe–Calamo” di Ostuni, “Giorgi” di Brindisi, “Lilla” di Oria, “Monnet” di Ostuni, “Marzolla” di Brindisi, “Fermi” di Francavilla Fontana, “Monticelli” di Brindisi, “Ferdinando” di Mesagne; adeguamento funzionale e messa in sicurezza impiantistica delle palestre, delle aree gioco e degli impianti sportivi ad uso didattico degli istituti “Palumbo” di Brindisi, “Marzolla-Leo-Simone-Durano” di Brindisi, “Salvemini” di Fasano; lavori di miglioramento sismico dell’istituto “Agostinelli” di Ceglie Messapica.
A questi si aggiungono alcuni interventi su immobili di competenza provinciale: manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico di palazzo Montenegro; rifacimento facciate della sede della Provincia, adeguamento funzionale e manutenzione straordinaria degli immobili provinciali, messa in sicurezza delle aree esterne degli edifici di competenza provinciale, adeguamento tecnologico e funzionale degli impianti tecnici degli immobili provinciali.

 

I prossimi anni

Questo solo per il primo anno. In più si aggiungono, per il 2022 e per il 2023, ulteriori somme per manutenzione straordinaria di ponti, cavalcaferrovia e viadotti, per un totale di 3.732.415,46 euro. Come detto, entrambi gli emendamenti proposti sono stati valutati positivamente, all’unanimità. Il primo, quello di maggioranza, prevedeva l’inserimento della sp 49 tra le strade per le quali è previsto, tra le opere inserite nell’elenco relativo al 2021, il rifacimento dei tappetini. Il secondo, quello dell’opposizione, è invece di prospettiva e prevede di “inserire nella programmazione 2022-2024” il rifacimento del manto stradale, della segnaletica orizzontale e verticale e l’installazione del guard rail sulla sp 51 Oria-Cellino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA