Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il ringraziamento del Papa ai volontari mesagnesi della Casa di Zaccheo

Il ringraziamento del Papa ai volontari mesagnesi della Casa di Zaccheo
2 Minuti di Lettura
Lunedì 19 Settembre 2022, 17:53 - Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 19:54

“Un pensiero speciale per i poveri e i volontari della “Casa di Zaccheo” di Mesagne affinché il signore vi benedica e la madonna vi custodisca”. A pronunciare queste parole, domenica scorsa al termine dell’Angelus, è stato il pontefice Papa Francesco che da quattro è sempre stato silenziosamente a fianco di questa realtà locale che ogni giorno è vicina a decine e decine di indigenti con vari servizi di carità.

Video

Il primo incontro

Tra Papa Francesco e don Pietro De Punzio era avvenuto il 14 marzo 2018, durante un’udienza pubblica, quando don Pietro aveva mostrato al pontefice il progetto di “Casa Zaccheo”. Il Papa era rimasto particolarmente colpito da quel programma tanto che lo aveva benedetto, firmato e aveva esortato il sacerdote e i volontari presenti in piazza San Pietro a essere “accoglienti e testimoni di carità”. Tutto sembrava fosse finito lì. Invece a distanza di un mese a “Casa Zaccheo” arrivò una missiva pontificia con all’interno la somma di 10 mila euro che Francesco aveva donato al sodalizio per accelerare la conclusione di quell’ambito progetto. “Fu un dono inaspettato che ci ha colmato il cuore di gioia perché abbiamo constatato la sollecitudine del Papa che viene incontro non solo alle grande opere di carità, ma anche a quelle piccole”, ha spiegato don Pietro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA