Il mega yacht con elicottero “New Secret” e il boom del settore del diporto di lusso

Il mega yacht New Secret
Il mega yacht New Secret
di Danilo SANTORO
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 07:44

«Record di presenze anche a Brindisi per gli yacht di lusso. Purtroppo a partire dai nostri amministratori, però, non si crede abbastanza in questo mercato. L’assessore Dino Borri fece ironia sul mercato dei mega yacht, ritenendo che non era questo lo sviluppo di Brindisi. Quanto sta avvenendo in queste settimane dimostra il contrario. Molti porti farebbero carte false per avere quello che stiamo vedendo a Brindisi. Ma questa cosa non ci viene riconosciuta».

Un settore in crescita

La consapevolezza di un trend che si rafforza settimana dopo settimana. La volontà di essere protagonisti per l’intero territorio. L’arrivo dell’ultimo gioiello ormeggiato nel porto di Brindisi, la New Secret (74 metri d’imbarcazione anche con elicottero a bordo, e fino a 18 persone solo di equipaggio), riapre il dibattito su quelle che possono essere le potenzialità del porto di Brindisi anche in questo specifico settore turistico. È Teo Titi, imprenditore portuale che con la “Luise Puglia” si sta occupando della sosta nel porto della “New Secret” ma non solo, a rilanciare la necessità di un’attenzione ancora maggiore su questo tema. Nelle scorse ore, il mega yacht, che è ormeggiato nella banchina di fonte all’hotel “Internazionale”, è stato ammirato anche più a nord della costa Brindisina. Scatti, quasi emozionati, di chi, dai lidi di Torre Santa Sabina e Specchiolla, ha potuto notare la presenza anche dell’elicottero a bordo di questo maxi veliero, costruito nel 2017 e che naviga attualmente sotto bandiera della Marshall Islands, realizzato da alcuni armatori olandesi.

Gli ultimi “ospiti”

Massima riservatezza su quelli che sono gli ospiti in questi giorni a bordo del “New Secret”: la certezza di facoltosi imprenditori con un portafoglio di spesa alto. Altissimo. «Questo vuol dire per il territorio ed il porto ottenere un riflesso importante. Come in questo caso. Va anche precisato che tra gli aspetti positivi del 2022 è l’aumento della permanenza media. Mentre prima - sottolinea Titi - era al massimo di un paio di giorni, ora è diventata di oltre una settimana, o come per la New Secret, fino a settembre. Questo vuol dire una spesa sul territorio enorme». Che non si tratti di un caso isolato lo confermano anche i precedenti arrivi, ma anche i futuri approdi per la parte finale dell’estate. «Ne aspettiamo un’altra che rimarrà circa un mese in banchina di 64 metri, ma abbiamo anche avuto altre barche che si sono alternate nella sosta del porto di Brindisi. Questa è la dimostrazione che il lavoro di promozione di territorio, anche da parte di noi privati, può portare i suoi frutti per la Puglia e per Brindisi, e che non si limita solo al transito». Circostanze confermate anche dall’arrivo in Puglia della New Secret, che dopo aver navigato e raggiunto porti di alto livello turistico, come Mykonos, si è poi spostata a Brindisi.

Gli effetti sul territorio

«Quello che noi offriamo, anche per yacht di questa caratura, è un servizio completo non solo relativo al porto. L’economia che tipologie di barche del genere girano è diffusa, con ricchezze che vengono distribuite nel territorio. Servono – conclude l’imprenditore portuale – infrastrutture, ma anche che gli amministratori credano di più in questa opportunità di sviluppo per il porto, la città di Brindisi ed il suo territorio. Continuo a non condividere quello che disse Borri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA