Barca in avaria: due scafisti brindisini salvati in mare e arrestati

L'equipaggio che ha salvato gli scafisti
L'equipaggio che ha salvato gli scafisti
2 Minuti di Lettura
Giovedì 3 Novembre 2016, 15:07 - Ultimo aggiornamento: 15:08
BRINDISI - Salvati in mare, dopo un’avaria, e poi arrestati: è la sorte toccata a due scafisti di Brindisi che sono stati soccorsi dalla capitaneria di porto in acque internazionali e poi condotti in Italia in elicottero e portati in carcere dagli agenti della Polizia di frontiera.
In particolare nella nottata tra l’1 e il 2 novembre è giunta sul numero di emergenza della capitaneria una richiesta di soccorso: veniva segnalata dai famigliari di due persone che risultavano scomparse l’assenza di notizia di un natante di circa 7 metri con due persone a bordo che era partito da Durazzo ed era diretto a Brindisi, ma che non aveva fatto rientro al porto.
Le ricerche sono state subito attivate: nel primo pomeriggio di ieri, l’equipaggio di un elicottero ha individuato l’imbarcazione  con i due naufraghi a circa 38 miglia nautiche dal porto di Brindisi, provvedendo a recuperarli tramite il verricello ed a metterli in sicurezza.
Una volta ricondotti a casa, è risultato che entrambi avevano a proprio carico precedenti penali ed erano sottoposti alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno: sono stati quindi arrestati per aver violato le prescrizioni dell’autorità giudiziaria. Sulle ragioni della traversata sono in corso indagini. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA