Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Centrale a carbone di Cerano: Enel conferma la chiusura

La conferma oggi in Commissione Affari generali della Regione

Centrale a carbone di Cerano: Enel conferma la chiusura
2 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Marzo 2022, 18:52 - Ultimo aggiornamento: 19:15

La guerra in Ucraina e le misure eccezionali che il governo nazionale deciderà di adottare per l'approvvigionamento energetico e abbattimento dei costi non «modificheranno la strategia» di Enel né l'obiettivo della decarbonizzazione. Lo ha assicurato il responsabile Affari istituzionali territoriali Enel Italia, Gaetano Evangelisti, ascoltato questa mattina in I commissione del Consiglio regionale pugliese in merito ai programmi e prospettive della centrale Enel di Brindisi.

Enel: proseguiremo su rinnovabili

Enel, ha detto il dirigente, proseguirà nel proprio percorso di sviluppo delle fonti rinnovabili e dei sistemi di accumulo, accelerando nell'installazione di nuova capacità. Queste azioni dovrebbero consentire di ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e nello stesso tempo di mitigare gli impatti dei prezzi del gas. Il progetto prevede la trasformazione delle attuali Centrali in nuovi poli energetici innovativi. Il percorso di riconversione della centrale Enel di Cerano, quindi, prosegue e un gruppo di produzione a carbone è stato chiuso e resta l'obiettivo della dismissione dell'impianto a carbone nel 2025.

© RIPRODUZIONE RISERVATA