Provinciali, sciolti gli ultimi nodi a Brindisi: quattro le liste per il nuovo Consiglio

Provinciali, sciolti gli ultimi nodi a Brindisi: quattro le liste per il nuovo Consiglio
di Danilo SANTORO
3 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Novembre 2021, 05:00


BRINDISI - Giochi fatti già dal sabato. Le ultime ore prima della consegna ufficiale delle liste sono servite principalmente al centrosinistra provinciale. Nel week-end, infatti, era emersa la necessità politica di riempire le due caselle femminili per equilibrare la parità di genere. Giornata di domenica decisiva per superare l'impasse.
Sono scaduti ieri i termini per la presentazione delle liste per il rinnovo del consiglio provinciale, con le elezioni in programma il prossimo 18 dicembre. Sono 338 gli aventi diritto al voto tra sindaci e consiglieri comunali. Si vota solo per il consiglio, non per la presidenza.

La frattura


Confermata  nel centrodestra, con la presentazione di due liste: Forza Italia e Lega da una parte e corsa solitaria, invece, per Fratelli D’Italia. Lista autonoma anche per il Movimento Cinque Stelle: anche in questo caso ieri la ratifica della volontà, almeno su questo fronte, di non stringere accordi con il centrosinistra. Decisione annunciata da giorni dei pentastellati.
Fronte progressista che ieri mattina ha dovuto chiudere l’intesa allargata con le scelte degli ultimi due nominativi. Incassate le indisponibilità delle due consigliere dell’area socialista di Ostuni, la coalizione “Provincia Unita e Democratica” (a cui hanno aderito Pd, Psi, ed una serie di movimenti civici espressione del centrosinistra) ha deciso di puntare sulla brindisina Luana Pirelli e sulla rappresentante di San Michele Salentino Rosalia Fumarola. Resta il vuoto per il centrosinistra della Città Bianca, diviso da tempo, che seppur con otto consiglieri comunali (6 area socialista 2 Pd) non ha espresso nessun candidato. Ostuni rientra tra i comuni che con il voto ponderale ha una percentuale più alta.

Saranno quattro nello stesso centrosinistra gli attuali sindaci candidati per il rinnovo del consiglio comunale Elio Ciccarese (Torchiarolo), Angelo Marasco (San Donaci), Giovanni Barletta (Villa Castelli) e Toni Matarelli (Mesagne). Per quest’ultimo, dovessero essere confermate le previsioni della vigilia, con la sua elezione nel consiglio comunale, si aprirebbero le porte della presidenza, in caso di passo indietro di Riccardo Rossi. E’ infatti paventata durante i vertici di coalizione nel centrosinistra l’ipotesi di dimissioni dell’attuale presidente e sindaco di Brindisi. Completano la lista “Provincia unita e democratica”: Giuseppe Ventrella (Fasano), Valentina Fanigliulo (Brindisi), Marco Argese (Erchie), Mimmo Tardio (Francavilla Fontana), Antonia Baccaro (Cisternino) e Marina Luigia Melgiovanni (San Pancrazio Salentino).
Nel Movimento Cinque Stelle candidati i consiglieri comunali: Tiziana Motolese (Brindisi), Marco Ruggiero e Anna Caroli (San Vito dei Normanni), Carlo Ferraro (Mesagne), Selena Nobile (San Pietro Vernotico), Gabriele Presta (Torre Santa Susanna). Nel centrodestra dopo la rottura la lista “Brindisi Libera”, frutto dell’accordo Lega e Forza Italia sarà composta da: Raffaele Martina, Michele Lariccia (entrambi di San Pietro Vernotico), Adriana Balestra di Francavilla Fontana per la Lega, Vincenzo Calabretti di San Vito dei Normanni, Pompea Cappelli di San Michele Salentino, Laura De Mola di Fasano per Forza Italia e Pasquale Santoro di Ceglie Messapica. La lista di Fratelli D’Italia è invece composta da Anna Ferreri (Francavilla Fontana), Massimiliano Oggiano (Brindisi), Cataldo Rodio (Ceglie Messapica), Giuseppe Bagnulo (Ostuni), Di Maggio (Torre Santa Susanna), Ciccio Conte (Oria), Luciano Cavaliere (San Vito dei Normanni), Luana Iaia (San Vito) e Catia Albanese (Ceglie Messapica).

© RIPRODUZIONE RISERVATA