Col figlio di pochi mesi occupa una casa popolare: processata e assolta. I giudici: «Era uno stato di necessità»

Col figlio di pochi mesi occupa una casa popolare: processata e assolta. I giudici: «Era uno stato di necessità»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Febbraio 2022, 11:13 - Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 07:08

A 20 anni e con un figlio di pochi mesi si è ritrovata da sola, senza un posto per vivere, e ha occupato una casa popolare: è stata processata e assolta dal giudice monocratico di Brindisi che le ha riconosciuto lo stato di necessità. L'immobile era stato sequestrato nell'ottobre del 2020: si tratta di un appartamento disabitato all'interno del quale, nel corso delle indagini, erano stati trovati mobili ed effetti personali riconducibili alla giovane madre ed erano stati constatati segni di effrazione alla porta.

Il processo

La donna rispondeva di invasione di edifici. Il giudice Barbara Nestore, su richiesta dell'avvocato Francesco Monopoli, l'ha assolta perché il fatto non costituisce reato, ritenendola non punibile per via della scriminante dello stato di necessità impellente di dover garantire al figlio minore un riparo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA