Colto da malore muore sulla nave da crociera

Colto da malore muore sulla nave da crociera
di Salvatore MORELLI
3 Minuti di Lettura
Sabato 27 Agosto 2022, 20:56 - Ultimo aggiornamento: 21:22

BRINDISI - Per un crocierista è stato fatale un malore avvenuto a bordo della nave Club Med 2 mentre si trovava al largo di Brindisi: un turista francese di 70 anni è morto in seguito a un arresto cardiaco, avvenuto a quanto pare nel sonno. E' stata la moglie dell'uomo a dare l'allarme quando questa mattina ha cercato di svegliarlo. Purtroppo, scattato l'allarme, era ormai troppo tardi per intervenire. In seguito al decesso, tutte le formalità sono state eseguite dalla polizia di frontiera. La coppia francese faceva parte dei quasi 400 passeggeri che questo bellissimo veliero da crociera (a cinque alberi) può ospitare a bordo e che da qualche giorno era in rotta verso le affascinanti mete che offre l'Adriatico sulle due sponde. Purtroppo, per il 70enne il viaggio si è interrotto improvvisamente a causa di un malore che l'ha colpito dopo essere andato a letto la sera prima.

Il dramma

All'alba, poi, mentre a bordo di questa città galleggiante stava per iniziare una nuova giornata di relax, la triste notizia. Da quanto si è appreso, sarebbe stata la moglie a far scattare l'allarme quando ha notato che il marito non dava più segni di vita. La notizia relativa al decesso sarebbe imputabile a un arresto cardiaco, ma le varie formalità (come anche il rientro della salma in Francia) diventeranno di competenza della polizia brindisina. Ultimamente, era andata meglio per un 42enne albanese soccorso (sempre in seguito a un malore dovuto a natura cardiaca) mentre si trovava a bordo di un traghetto diretto in Grecia. Era stato il personale della Capitaneria di porto di Brindisi ad intervenire in piena notte al largo di Brindisi: il personale di una motovedetta aveva prelevato il passeggero portandolo presso la banchina antistante la sede della Capitaneria di Porto dove ad attenderlo c'era un'ambulanza del 118 per il trasferimento presso l'ospedale “Perrino”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA