Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ceglie, operai del cimitero da tre mesi senza stipendio. Sepolture bloccate

Ceglie, operai del cimitero da tre mesi senza stipendio. Sepolture bloccate
di Maria GIOIA
2 Minuti di Lettura
Martedì 3 Agosto 2021, 21:04 - Ultimo aggiornamento: 21:07

CEGLIE - Gli operai del cimitero senza stipendio da tre mesi. E, allora, va in scena la clamorosa protesta: "niente sepolture". Questo il concentrato in pillole della protesta andata in scena ieri mattina presso il camposanto di Ceglie dinanzi agli occhi della consigliera comunale di opposizione, Giusy Resta, che ha trovato il feretro di una defunta in attesa di sepoltura da domenica nella camera mortuaria perché i tre addetti hanno deciso di incrociare le braccia e non effettuare il servizio sino a quando la ditta, che gestisce la struttura, non pagherà gli stipendi.

La trattativa

Sul posto è giunto anche l’assessore Vito Santoro, il quale era al corrente della situazione e ha scaricato ogni responsabilità sulla ditta. Ha chiamato il custode, il quale ha dato disposizioni all’unico operaio addetto alla sepoltura, dicendogli di farsi aiutare dal titolare dell’impresa funebre che ha svolto il servizio. Io mi sono opposta fermamente perché non può farlo per legge. L’assessore ha quindi convinto gli operai ad intervenire per tamponare la criticità del momento, a fronte della promessa di una pronta corresponsione dello stipendio». A margine, la polemica. «Trattasi di interruzione di pubblico servizio», ha tuonato Resta, pronta ad interpellare il consiglio comunale. Ma il sindaco Angelo Palmisano ha ribattuto: «Nessuna interruzione, abbiamo già sollecitato la ditta per risolvere il problema». «Mi sono recata al cimitero e nella camera mortuaria c’era una salma che giaceva lì in attesa di essere tumulata da domenica. “Fortunatamente” era saldata, altrimenti sarebbe andata in putrefazione a causa delle alte temperature di questi giorni. “Fortunatamente” non sono arrivate altre salme. Ho chiesto spiegazioni agli operai addetti che ho incontrato all’ingresso. Loro mi hanno risposto che non potevano effettuare la tumulazione, in quanto, a detta loro, la ditta aggiudicataria dell’appalto di gestione del cimitero non stava corrispondendo loro la retribuzione», ha spiegato Resta in una nota stampa. Da qui una lunga trattativa, 

© RIPRODUZIONE RISERVATA