In 180 si tuffano nelle acque fredde dell'Adriatico per salutare il 2018

Il tuffo alla Conca
Dopo la notte in piazza, una folla festosa ha celebrato l’arrivo del 2018 con un appuntamento ormai divenuto tradizionale, quello del tuffo di Capodanno alla Conca di Brindisi.
L’evento giunto alla sua edizione numero nove, infatti, ha visto la partecipazione di quasi 180 “temerari” che si sono radunati nella caratteristica insenatura del litorale nord di Brindisi per festeggiare il nuovo anno, a cui si sono aggiunti anche alcuni cani (parte dei quali specializzati in salvataggio).

È stata uno no-stop per festeggiare l’arrivo del nuovo anno, tra cenoni, concerti nelle piazze di Brindisi o di Ostuni, Francavilla, Ceglie e Cisternino, fino al primo bagno nel mare di Brindisi.
La crescente popolarità di questo evento, inoltre, è data da alcune particolarità, come quella che nel 2018 ha visto tra i tanti che si sono voluti cimentare con il tuffo di Capodanno, anche una presenza “intercontinentale”, con l’arrivo alla Conca di Maggie Manning, atleta paralimpica canadese (originaria di Salmon Arm, in British Columbia) di soli 17 anni che, trovandosi in Italia in occasione dell’inizio del nuovo anno, si è informata su quale potesse essere il modo migliore per partecipare a questa ricorrenza nel solco della tradizione di quanto accade nel suo paese: scorrendo i risultati trovati in internet, la scelta di Maggie è ricaduta proprio su Brindisi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Lunedì 1 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 20:38