Appalti Asl, chiuse le indagini: in 23 rischiano il processo

Venerdì 8 Novembre 2019 di Roberta Grassi
BRINDISI - Con accuse a vario titolo di abuso d’ufficio, turbativa d’asta, falso ideologico sono indagate 23 persone nell’ambito di un’inchiesta su alcuni appalti concessi alla Asl di Brindisi dal 2016 fino al 2019. I 23 indagati hanno ricevuto un avviso di conclusione delle indagini preliminari a firma del pm Pierpaolo Montinaro che ha coordinato l’attività investigativa dei carabinieri del Nas di Taranto.

Inchiesta sulla sanità, arrestati il consigliere Cera e il padre ex parlamentare
Furbetti del cartellino in ospedale: 27 licenziati e 23 sospesi
Timbravano il cartellino della Asl e andavano al mare o a spasso Tra gli otto arrestati c'è anche un primario

Tra gli indagati anche Giovanni Giannoccaro, all’epoca dei fatti direttore amministrativo dell’Azienda sanitaria di Brindisi e Mario Rocco Ianora, direttore dell’Area gestione tecnica della Asl. Viene contestato di aver concesso subappalti senza autorizzazione negli ospedali di Brindisi, Fasano, Ostuni, Cisternino, Mesagne e Francavilla Fontana, di aver favorito alcune ditte, aver rivelato in anticipo il costo dell’offerta economica di una società partecipante a una gara, di aver prodotto false attestazioni. Ultimo aggiornamento: 16:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA