Si allontana da casa e scompare: 70enne ritrovato morto in auto lungo un sentiero di campagna

Giovedì 26 Novembre 2020 di Danilo SANTORO

Il corpo ritrovato in auto. Senza vita. In un sentiero stretto, tipico delle campagne della Valle D'Itria tra i muretti a secco in pietra e gli ulivi secolari. E' questo lo scenario che si sono ritrovati davanti gli agenti del commissariato di Ostuni nel cuore della notte tra martedì e mercoledì, a Carovigno, con la scoperta del cadavere appartenente ad un uomo di 70 anni.


Il decesso del pensionato, residente nella Città Bianca, è avvenuto in una strada dell'agro carovignese, a poche centinaia di metri dal santuario della Madonna del Belvedere, a circa tre chilometri dal centro abitato. Sarà l'autopsia disposta nel pomeriggio di ieri dalla Procura di Brindisi ad accertare quali realmente siano state le cause della morte dell'uomo. Esclusa intanto la presenza di percosse sul suo corpo, ma resta comunque una vicenda con diversi punti da chiarire. Avvolta nel mistero. Era stato il figlio nel pomeriggio di martedì a chiedere aiuto ai poliziotti della Città Bianca, a causa del mancato ritorno a casa del proprio genitore.


Preoccupato per questa assenza prolungata aveva chiesto alle forze dell'ordine l'intervento per avviare le ricerche. Ed ai poliziotti, coordinati dal vicequestore Andrea Toraldo, è bastato agganciare le celle telefoniche dello smartphone dell'uomo per capire dove si trovava.
Ed è stato nelle campagne di Carovigno, come indicava la segnalazione automatica del ricevitore, che gli investigatori della Città Bianca hanno scoperto il dramma. Sul posto anche personale dei vigili del fuoco e sanitari del 118.


Ogni tentativo di rianimare l'uomo è risultato inutile: il suo cuore aveva cessato di battere già da alcune ore. La salma dell'uomo è stata trasferita al cimitero di Ostuni. Tra le ipotesi investigative al momento quella di una morte naturale dovuta ad un malore. Spetterà ai tecnici della Procura di Brindisi confermare eventualmente questa ipotesi.


Oggi, però, la stessa autorità giudiziaria dovrebbe conferire l'incarico al medico legale per eseguire l'esame autoptico: ciò che emergerà, poi, sarà oggetto eventualmente del proseguo dell'indagine da parte del commissariato di Ostuni. Poliziotti che sin da subito avevano recepito le preoccupazioni del figlio dell'uomo, che non riusciva a spiegarsi l'irreperibilità del padre ormai da diverse ore. Timori per una possibile tragedia che aumentavano con il passare del tempo per la famiglia ostunese, fino al drammatico epilogo nelle campagne di Carovigno.


Forze dell'ordine che nella notte di martedì, nonostante le difficoltà per raggiungere il posto dove era stato individuato il segnale del cellulare, sono riusciti a scoprire prima l'auto, poi, purtroppo il corpo senza vita del pensionato della Città Bianca. Da qui anche l'eventuale ricerca di alcuni elementi per ricostruire tutti gli ultimi momenti in vita dell'uomo, e soprattutto per chiarire le cause della sua morte. Parte di queste risposte potrebbero giungere nelle prossime ore, da quello che emergerà nell'autopsia. Si tratterà di una prima valutazione, in attesa, eventualmente di ulteriori riscontri medici sulle ragioni del decesso del 70enne.

Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 09:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA