Mamma con tumore rarissimo, l'appello per le cure fa il giro del mondo: «Spiragli da Israele e Usa»

Venerdì 24 Gennaio 2020
Si è rivolta al web, ai social, con il cuore in mano e la voglia di combattere la sua battaglia fino in fondo. «Buongiorno - ha scritto su Facebook il 19 gennaio, Emilia Lacerenza - oggi mi rivolgo a tutto il mondo, medici, ricercatori, istituti oncologici, associazioni di ricerca e quant'altro: chiunque possa aiutarmi (nel più breve tempo possibile) a curarmi, anche se fosse solo sperimentazione, si faccia avanti. Il mio è un "carcinoma sarcomatoide metaplastico triplo negativo con metastasi". Se qualcuno avesse soluzioni per me, potrei inviare tutta la documentazione e spiegare tutti i particolari del caso. Autorizzo chiunque a girare questo messaggio ovunque e in qualsiasi lingua».



Suona al piano mentre viene operato di tumore al cervello: intervento di 5 ore su un jazzista
«Hai un tumore molto aggressivo»: le praticano mastectomia e chemio, ma la 28enne non era malata
Elena Santarelli: «Mio figlio Giacomo ha vinto la battaglia con il tumore cerebrale»

Emilia Lacerenza, di Barletta, ha 33 anni, due bambini e una diagnosi da tumore rarissimo sotto al braccio, pronta a portarla a chiunque le offra una chance di combattere e vincere. E il web non è rimasto sordo alla sua richiesta di aiuto: in pochi giorni il messaggio ha fatto oltre 6.200 condivisioni in tutte le lingue e ieri, 23 gennaio, le prime occasioni di cura offerte a Tel Aviv e negli Stati Uniti. Nei prossimi giorni è in programma un viaggio verso lo Sheba Medical Center, il più grande ospedale israeliano, per avviare le prime visite mediche di valutazione. Forza Emilia, la Puglia è con te.  Ultimo aggiornamento: 22 Aprile, 09:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA