Non si ferma all'alt dei carabinieri e nella fuga tampona sette auto: due feriti gravi. E scatta l'arresto

Non si ferma all'alt dei carabinieri e nella fuga tampona sette auto: due feriti gravi. E scatta l'arresto
3 Minuti di Lettura
Sabato 3 Dicembre 2022, 12:04 - Ultimo aggiornamento: 21:57

Forse un alt non rispettato, una folle corsa, un inseguimento che travolge cinque auto e che fa contare almeno tre feriti di cui due gravi. Un arresto. È quanto accaduto a Canosa di Puglia, in via Capurso, intorno alle nove di questa mattina; nel pomeriggio l'arresto dell’uomo che ha provocato l'incidente. Risponde di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e – con ogni probabilità -  lesioni aggravate.

Inseguimento nella zona 167

I carabinieri erano impegnati in attività di monitoraggio del territorio quando avrebbero voluto fermare un’auto con a bordo due persone. Il conducente, pare un giovane del posto sprovvisto di patente, avrebbe schiacciato il pedale dell’acceleratore dando vita a un inseguimento in via Capurso, strada popolosa della zona 167.

Due feriti in codice rosso

Durante la fuga sarebbero state sette le auto coinvolte e tamponate e tre i feriti alcuni dei quali dei passanti. I militari sarebbero riusciti a bloccare uno dei due fuggiaschi mentre l’altro è ricercato. Dei feriti due, si tratta di pensionati, sono stati trasportati in codice rosso all’ospedale “Dimiccoli” di Barletta. 

L'arresto

È stato arrestato l’uomo che questa mattina a Canosa di Puglia (Barletta – Andria – Trani) per evitare un posto di blocco ha provocato un inseguimento e un incidente in cui sono rimaste coinvolte 5 auto provocando due feriti. Risponde di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e – con ogni probabilità -  lesioni aggravate. Le vittime sono due pensionati che erano a bordo di due delle auto coinvolte nel maxi incidente avvenuto intorno alle dieci del mattino in una strada della zona 167 su cui si affacciano attività commerciali, un istituto comprensivo e una chiesa. Secondo quanto emerso finora, l’uomo – privo di patente- era alla guida di un’auto non assicurata e vedendo i carabinieri, impegnati in attività di controllo del territorio, ha avuto timore potessero fermarlo e multarlo: per questo ha tirato dritto. Ne è nato un inseguimento che si è snodato per via Ugo La Malfa e via Paolo Borsellino per poi terminare in via sergente maggiore Nicola Capurso dove l’auto di colore grigio metallizzato guidata dall’indagato si è fermata. L’uomo è stato condotto in caserma invece i due anziani rimasti feriti sono stati soccorsi dal personale delle Misericordie e trasportati all’ospedale “Dimiccoli” di Barletta dove sono stati sottoposti a esami di vario tipo, tra cui una Tac. Le loro condizioni sono serie ma non sarebbero in pericolo di vita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA