Combattimenti tra pitbull e scommesse clandestine: 25 denunciati tra Puglia e Sicilia

Combattimenti tra pitbull e scommesse clandestine: 25 denunciati tra Puglia e Sicilia
3 Minuti di Lettura
Martedì 29 Marzo 2022, 13:07 - Ultimo aggiornamento: 13:16

Dalla Puglia, Barletta e Trani a Canicattì, in Sicilia, per assistere a combattimenti illegali fra cani, scommettendo del denaro: con puntate base da 50 euro. Ma anche per portare dei pitbull "guerrieri" visto che uno dei sei cani sequestrati arrivava proprio da Barletta. In tutto 25 i denunciati dopo il blitz di sabato sera.

Il blitz della polizia

Sabato sera, i poliziotti del commissariato di Canicattì, guidati dal dirigente Francesco Sammartino, hanno effettuato - dopo ore ed ore di appostamenti e dopo aver circondato ogni possibile via di fuga - un blitz in contrada Garziano. Venticinque le persone denunciate, fra cui due minorenni, 4 di Canicattì (Ag) e gli altri tutti di Gela (Cl), Palermo, Catania, Trani e Barletta. L'elicottero della polizia, il reparto Volo di Palermo, ha filmato non soltanto il momento dell'irruzione dei 30 poliziotti, ma anche uno dei combattimenti fra pit-bull. «Quando abbiamo bloccato le 25 persone, due delle quali minorenni, i cani continuavano a lottare fra di loro e non è stato semplice riuscire a staccarli - ha spiegato, durante la conferenza stampa tenuta in Questura, il commissario capo Francesco Sammartino - . Uno dei due cani era gravemente ferito. Erano previsti tre incontri e non potevamo permettere che questi cani si facessero ancora del male o morissero».

© RIPRODUZIONE RISERVATA