Lavoro, il vescovo di Bari: «Rischio bomba sociale»

Lavoro, il vescovo di Bari: «Rischio bomba sociale»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Febbraio 2022, 22:20

«La Chiesa di Bari-Bitonto è allarmata per la situazione che si profila sul territorio provinciale e in tutta la regione Puglia, esprime la propria vicinanza ai lavoratori e a quanti, fortemente preoccupati per la possibile perdita di numerosi posti di lavoro, si vanno adoperando ai tavoli di crisi recentemente apertisi». Lo dichiara in una nota l'arcivescovo di Bari-Bitonto, monsignor Giuseppe Satriano.

«Destano particolare attenzione - scrive - la messa in discussione di circa 700 posti di lavoro presso la Bosch, seconda azienda in Puglia per ordine di grandezza dopo l'Ilva, e gli esuberi dichiarati dalla Magneti Marelli e dalla Baritech. Quanto accade denuncia il rischio di un'autentica bomba sociale». «Ci ritroviamo in un mondo che corre senza un orizzonte comune. I continui progressi della tecnologia - continua - spesso non corrispondono a una sempre maggiore equità e inclusione sociale. A livello centrale, nel nostro Governo, sembra essere assente il dibattito sul lavoro al Sud, mentre qui si continua a veder minacciato il proprio impiego e prolifera il lavoro nero».

«La sofferenza dell'incertezza per il proprio futuro, che attraversa la vita di molte famiglie del nostro territorio - conclude - trova vicino il cuore di questa Chiesa che desidera far giungere a lavoratori, imprenditori e uomini di governo il proprio appello affinché si possa realizzare una rivisitazione concordata e concertata delle prospettive lavorative e aziendali, garantendo per tutti un equo e degno riconoscimento delle legittime aspettative». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA