Formazione, ipotesi accordo università di Bari e Tirana. Cooperazione anche per l'acqua

Sabato 21 Novembre 2015

BARI - I progetti di cooperazione tra Italia e Albania e interventi per rendere più efficiente la rete di distribuzione idrica a Tirana sono stati i temi al centro della visita istituzionale in Albania del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Il governatore pugliese ha incontrato il premier Edi Rama e il sindaco di Tirana Erion Veliaj.

L'incontro con il premier albanese - riferisce una nota della Regione - si è tenuto nella sede della presidenza del Consiglio dei Ministri ed è durato oltre un'ora: «Con lui abbiamo intrattenuto uno splendido e proficuo colloquio - ha detto Emiliano - con riferimento ai tanti progetti di cooperazione che sono in corso tra la Puglia e l'Albania. In particolare abbiamo ridefinito l'interesse comune a rendere più efficiente la rete di distribuzione dell'acqua della città di Tirana». «Abbiamo inoltre immaginato, su sollecitazione del premier - ha detto ancora - di costruire insieme un accordo tra l'Università di Bari e l'Università di Tirana per consentire agli studenti di entrambi i paesi una migliore formazione. E, soprattutto, abbiamo progettato con sentimento, ma anche con la ragione, il futuro di entrambi i nostri territori».

La giornata si è aperta nella sede del Comune di Tirana con la firma del memorandum da parte, rispettivamente, del presidente Emiliano e del Sindaco Veliaj e dell'amministratore unico di Acquedotto Pugliese AQP Nicola Costantino e del direttore generale dell'Acquedotto di Tirana Neritan Gjojdeshi. Il protocollo di intesa definisce un accordo bilaterale tra il Comune di Tirana tramite la società per azioni di gestione idrica e fognaria di Tirana UKT e la Regione Puglia tramite l'AQP per la collaborazione nel settore della gestione idrica e fognaria a Tirana.

In base all'accordo l'Aqp realizzera' un audit tecnico-amministrativo sul sistema idrico e fognario della citta' albanese per definirne il modello di efficientamento. Fornira' poi i servizi di ingegneria e servizi di formazione avanzata. Le parti sottoscriveranno, successivamente all'audit, joint ventures per finanziare e realizzare le infrastrutture per la fornitura e la distribuzione dell' acqua e le reti fognarie e di depurazione. "Da oggi cominciamo un lavoro concreto - ha detto il sindaco Erion Veliaj - dal quale trarranno beneficio un milione di abitanti, ovvero la popolazione che oggi viene rifornita dall'Acquedotto di Tirana".

La nostra ambizione e' garantire un rifornimento di acqua h24 e, soprattutto, l'ottima qualita'. Al momento, registriamo ancora perdite per il 70 per cento e rifornimenti solo per undici ore al giorno". "Oggi stiamo stipulando un accordo con una delle migliori compagnie di gestione delle acque in Europa - ha detto ancora - affinche' l'esperienza dell'AQP possa diventare anche la nostra". "Il primo passo - ha detto ancora - sara' l'audit dell'acquedotto di Tirana per capire in termini finanziari e tecnici come intervenire per individuare gli allacci abusivi alla rete e avere un quadro completo della situazione. Dopo l'audit procederemo alla fase concreta degli investimenti".

"Abbiamo il compito - ha detto Emiliano - di spiegare agli italiani quanto sia importante rafforzare questo legame con l'Albania. L'Aqp e' senza dubbio un'istituzione che ha prodotto cambiamenti enormi, nella nostra regione ha portato l'acqua, ma anche conoscenze preziose in materia tecnica. "Vogliamo dimostrare - ha aggiunto - che l'Aqp non solo e' l'acquedotto piu' grande di Europa, ma e' anche il piu' grande gruppo di progettazione dell'Italia meridionale capace di cambiare la storia della Puglia e dell'Italia del Sud, realizzando opere tecniche e di architettura di straordinario valore e condividendo la sua esperienza a supporto di altri paesi. Il presidente Emiliano era accompagnato dal capo di gabinetto, Claudio Stefanazzi, dall'amministratore delegato di Aqp, Nicola Costantino e dai vertici dell'Aqp.

Ultimo aggiornamento: 11 Novembre, 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA