Terlizzi, dal Comune 77mila euro per il caro bollette. Circa 400 le domande arrivate

Terlizzi, dal Comune 77mila euro per il caro bollette. Circa 400 le domande arrivate
3 Minuti di Lettura
Sabato 12 Marzo 2022, 19:43 - Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 07:15

Sarano erogati sotto forma di buoni spesa per alimenti e generi alimentari di prima necessità, gli oltre 77mila euro di bonus utenze per luce e gas che il Comune di Terlizzi ha stanziato nell’ambito dell’iniziativa «Buono Amico». Da domani, tutti i beneficiari riceveranno direttamente sul proprio telefonino un codice pin di cinque cifre che potranno utilizzare subito per fare la spesa nei negozi convenzionati e che espongono il logo dell’iniziativa. 

Autotrasportatori, sciopero bocciato. Ma supermercati e benzinai presi d'assalto

Il sostegno ai cittadini: come funziona 


«Un aiuto economico alle famiglie che in questo momento particolare diventa prezioso per far fronte al caro bollette», ha dichiarato il sindaco Ninni Gemmato.

Benzina alle stelle, da lunedì scatta lo sciopero dei benzinai. Ecco quanto durerà

I bonus ammonteranno a 150 euro per i nuclei familiari sino a tre componenti. Superata questa soglia, invece, sarà pari a 250 euro. Stessi criteri e importi sono previsti per l’ulteriore aiuto che viene offerto alle famiglie per il pagamento della tassa rifiuti (Tari). Il meccanismo, in un primo momento, prevedeva il saldo diretto di luce e gas presentando le fatture presso le ricevitorie. Non è giunta, però, nessuna manifestazione di interesse da parte degli esercenti abilitati al pagamento delle utenze domestiche e l’amministrazione comunale ha deciso, perciò, di convertire il contributo per le bollette in buoni spesa alimentari di pari valore. L’accredito del bonus avverrà in forma digitale.

Caro bollette, effetto «devastante sull'agricoltura». L'allarme della Cia in Puglia

«Le oltre quattrocento famiglie che hanno già presentato istanza per il contributo relativo alle utenze domestiche, a partire da lunedì prossimo riceveranno il bonus di 150 euro o 250 euro (a seconda del nucleo familiare) sotto forma di buoni spesa da spendere nei negozi di generi alimentari. Il bonus utenze si aggiungerà ai buoni spesa per beni alimentari e di prima necessità già previsti dal bando Buono Amico», spiega Francesco Barione, consigliere delegato alle Politiche Sociali. 

M.C.Tos.
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA