Sulla tela della Cattedrale spunta il volto del presidente di Confindustria Puglia

Sulla tela della Cattedrale spunta il volto del presidente di Confindustria Puglia
2 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Febbraio 2022, 22:30 - Ultimo aggiornamento: 22:35

Ha suscitato ironia e qualche polemica il dipinto intitolato «Savinus vir dei» dedicato al santo patrono di Canosa di Puglia, San Sabino, e donato ieri alla cattedrale dalla Fondazione Archeologica Canosina. Nel quadro, realizzato dall'artista Giuseppe Antonio Lomuscio, oltre a San Sabino e San Benedetto, protagonisti della raffigurazione, spunta anche il volto di Sergio Fontana, presidente di Confindustria Puglia nonché presidente della Fondazione Archeologica Canosina, che ha finanziato l'opera.

L'artista: «Rivendico la piena autonomia delle mie scelte»

Dopo la celebrazione nella cattedrale, alla presenza dello stesso Fontana, sui social e sulla stampa locale si è scatenata una ondata di ironia con fotomontaggi di altri volti noti inseriti sulla tela e qualche polemica sulla opportunità della scelta. A chiarire la vicenda è lo stesso artista. «Rivendico - spiega in una nota - la piena autonomia nelle mie scelte interpretative. Tengo a precisare che la scelta di tutti i soggetti rappresentati nella composizione, è frutto di una libera interpretazione artistica dettata dall'esigenza di raccontare la storia della devozione verso i Santi, Sabino e Benedetto. Alcuni soggetti, non necessariamente Santi, rappresentano il mondo laico e quello religioso, del passato e del presente. Tra questi ho scelto di ritrarre due autorevoli rappresentanti della comunità canosina di oggi: il presidente della Fondazione Archeologica Canosina e l'attuale parroco della Cattedrale, nonostante gli stessi, nel corso della lavorazione, mi avessero espressamente chiesto di non essere ritratti». Sulla tela Fontana, che sulla vicenda non rilascia dichiarazioni, appare in basso mentre indossa la mascherina chirurgica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA