Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stop alla musica all'esterno dei locali nei giorni di festa: nuova ordinanza a Bari

Stop alla musica all'esterno dei locali: nuova ordinanza a Bari
Stop alla musica all'esterno dei locali: nuova ordinanza a Bari
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Dicembre 2021, 18:00 - Ultimo aggiornamento: 24 Dicembre, 17:29

Stop alla musica all'esterno dei locali. Altra stretta a Bari: nelle giornate del 23, 24, 30 e 31 dicembre, antivigilie e vigilie di Natale e Capodanno, sarà vietata la musica all'esterno dei locali per evitare assembramenti in occasione dei tradizionali aperitivi. «Tali prescrizioni - spiega il Comune - si inseriscono anche nel solco della circolare del Ministero della Salute "Pandemia da SARS-CoV-2: rafforzamento delle misure organizzative per la gestione dell'attuale fase pandemica"».

L'ordinanza

L'ordinanza vieta dalle 12 alle 24 del giorno 23, 24 e 30 dicembre e dalle 12 del 31 dicembre alle 5 del 1 gennaio 2022, «in tutto il territorio comunale, la diffusione di musica "dal vivo e non dal vivo" all'esterno, compresi gli spazi antistanti - dehors inclusi -, degli esercizi pubblici e delle attività commerciali in genere anche mediante diffusori acustici o altre apparecchiature sonore».

Sarà inoltre vietata la somministrazione, per asporto, di bevande in bottiglie o contenitori in vetro, compresa la vendita attraverso i distributori automatici aperti ad un pubblico indiscriminato (tipo open-shop), nonché lo svolgimento di qualsiasi attività commerciale di vendita e somministrazione di cibi e bevande di qualsiasi natura su area pubblica in forma itinerante, se non formalmente già autorizzata.

Il provvedimento che è alla firma del sindaco Antonio Decaro ribadisce, ancora, che è vietato «abbandonare qualsiasi tipo di rifiuto su aree pubbliche; appiccare fuochi di qualsiasi genere e a qualsiasi scopo; compiere qualsiasi attività in contrasto con la sicurezza urbana e la conservazione e il decoro dei suddetti luoghi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA