Rifiuti, vernici e pneumatici dismessi, sequestrata a Bari un'area di 5mila mq e capannoni: sei provvedimenti di espulsione

Domenica 25 Luglio 2021

La Polizia locale di Bari ha sottoposto a sequestro un'area di oltre 5 mila metri quadrati dove risultavano accatastati pezzi di elettrodomestici e apparecchi elettronici, rifiuti speciali e pericolosi, pneumatici e cinque cassoni pieni di rifiuti speciali di ogni genere, compresi residui di attività di demolizione di fabbricati e bidoni con residui di vernici.

Oltre all'area scoperta, sono stati sequestrati tutti i capannoni industriali adiacenti, pieni di rifiuti vari, sette autocarri utilizzati per le attività illecite, una autofficina, su via Bruno Buozzi, risultata totalmente abusiva e una palazzina risultata abusivamente occupata.

Le indagini erano iniziate mesi fa, quando gli agenti municipali avevano già posto sotto sequestro parte della struttura e denunciato tre persone per i reati di gestione illecita di rifiuti e realizzazione di varie discariche abusive collegate anche alle attività, sempre abusive, dei cosiddetti «svuotacantine».

È stato così accertato, tramite l'utilizzo di droni, che le attività illecite erano proseguite anche dopo il primo sequestro, con ulteriore accumulo non autorizzato di rifiuti. Nell'ambito dell'operazione altre sei persone sono state identificate e raggiunge, in quanto stranieri irregolari, da altrettanti provvedimenti di espulsione.

Ultimo aggiornamento: 18:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA