La figlia ha il rene policistico, la famiglia costretta a trasferirsi fuori regione per le cure

La figlia ha il rene policistico, la famiglia costretta a trasferirsi fuori regione per le cure
4 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Aprile 2022, 18:48 - Ultimo aggiornamento: 18:53

Costretto a trasferirsi da Santeramo a Ladispoli per garantire alla figlia, che ha tre anni e il rene policistico, le cure migliori. Costretto perché, come denuncia in un video su Facebook il padre della bambina, Gianluigi Solazzo, l'assistenza domiciliare era troppo poca e le condizioni igieniche dell'ospedale dove era stata ricoverata carenti. 

Nel video il padre racconta la sua odissea, che ormai dura da tre anni e mezzo. Da quando, cioè, alla bambina è stata diagnosticata la malattia del rene policistico. Gianluigi e la moglie si sono trasferiti a Ladispoli per permettere alla bimba di ricevere le migliori cure all'ospedale "Bambino Gesù". Dopo i primi mesi in terapia intensiva nell’ospedale romano, la famiglia era tornata a Santeramo, ma l’assenza di assistenza domiciliare (mezz’ora per due giorni alla settimana) e quanto accaduto all’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, dove la piccola era stata ricoverata in seguito a una crisi respiratoria, hanno convinto i genitori a far curare la figlia nel nosocomio romano.

Chirurgia, in fuga dalla Puglia per le operazioni: «Si va fuori anche per cure banali». Sanità, il costo dei viaggi della speranza

Il video postato su Facebook

Nel video Gianluigi spiega che nella stanza nell’ospedale pediatrico barese non ci sarebbero state condizioni igieniche dignitose e la sicurezza sufficiente. Ad aggravare la situazione la mancata fornitura da parte della Asl di Bari dallo scorso novembre dei presidi di assistenza per curare la piccola e la lunga trafila per ottenere il rimborso delle spese sostenute per la mobilità passiva, ancora oggi riconosciute solo in parte. Soldi indispensabili, dal momento che questo padre è stato costretto ad abbandonare il lavoro.  Il termine più frequente usato nel video è umiliazione, iniziata subito dopo la diagnosi della malattia, quando i genitori si sono sentiti dire nel primo colloquio con i medici dell’ospedale pediatrico di Bari che per la figlia non c’erano praticamente possibilità di sopravvivenza dopo la nascita. Parole che li hanno portati a far nascere la bambina a Roma, dove ha immediatamente iniziato la dialisi al ‘Bambino Gesù’.

«Nel Salento non c'era il robot utile a operarmi: così sono andato via»

Le mosse della politica

Sulla questione interviene il capogruppo del M5S, Marco Galante, che  attraverso l’amministrazione comunale di Santeramo si è già messo in contatto con Gianluigi, assicurando che interesserà della questione l’assessore Rocco Palese, il dipartimento Salute e la Asl di Bari, chiedendo immediatamente un incontro, per evitare che simili situazioni possano ripetersi. «Non possiamo dire ai cittadini di non andare a curarsi fuori - dice Galante - se poi non garantiamo loro alti standard per le cure nella nostra regione. Ritengo indispensabile anche capire quali siano le condizioni dell'ospedale Giovanni XXIII dopo quanto ascoltato. Non vogliamo cercare colpevoli o puntare il dito contro qualcuno, solo risolvere le criticità che emergono dal video e dai commenti postati. Gianluigi e la sua famiglia devono sapere di non essere soli e non essere costretti a vivere senza i loro cari e a centinaia di chilometri da casa per poter avere le cure migliori per la loro figlia».

«A Parma hanno salvato mia figlia: qui mancano specialisti e umanità»

© RIPRODUZIONE RISERVATA