San Paolo, cinque milioni per la nuova fogna bianca: apre il cantiere più atteso in città

San Paolo, cinque milioni per la nuova fogna bianca: apre il cantiere più atteso in città
4 Minuti di Lettura
Giovedì 29 Settembre 2022, 05:00

Per l’inizio di novembre sarà avviato uno dei cantieri più attesi al San Paolo di Bari che metterà fine agli allagamenti che si verificano per le strade del rione ad ogni pioggia. Ieri, su proposta dell’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, la giunta ha approvato il progetto definitivo ed esecutivo relativo alla realizzazione di un tronco di fogna bianca al San Paolo.

Ci sono 5 milioni dalla Regione


L’intervento, finanziato complessivamente con 5 milioni di euro dalla Regione Puglia, consentirà l’esecuzione del collettore principale di fogna bianca che partirà dalla confluenza nel canalone Balice, in prossimità della caserma della guardia di finanza in viale Europa, per arrivare in viale delle Regioni. Al nuovo collettore fognario saranno collegati, in particolare su viale delle Regioni, sia la fogna prevista in corrispondenza di via Caposcardicchio sia tutta la rete fognaria delle strade secondarie interessate dal Piano periferie.
«Abbiamo incrociato questo finanziamento con quello già ottenuto nell’ambito del Piano periferie (circa 7 milioni e 500mila euro) – commenta Galasso - che, nello stesso quartiere, prevede la risistemazione della viabilità con il rifacimento di marciapiedi e strade, la piantumazione di nuovo verde e la realizzazione di un sistema di rotatorie ma che non finanzia invece interventi sulla rete di fogna bianca, presente al San Paolo solo in minima parte. In questo modo la riqualificazione in superficie delle strade del quartiere non sarà vanificata dai fenomeni di allagamento che si verificano in occasione di piogge molto abbondanti». Il San Paolo è uno dei quartieri della città ad essere “nato” quasi senza una delle opere di urbanizzazione primaria come appunto la fogna bianca. «Il progetto esecutivo approvato ieri mattina ci consentirà di siglare nelle prossime settimane il contratto attuativo relativo all’appalto già espletato di accordo quadro e così di avviare i lavori, che prevediamo possano iniziare entro i primi del mese di novembre», conclude Galasso.

Durante l’esecuzione del cantiere non sarà necessario chiudere al traffico veicolare viale Europa ma basterà restringere alcuni tratti della carreggiata di questa grande arteria stradale. Dopo l’approvazione della delibera, nei prossimi giorni sarà firmato il primo contratto attuativo, dell’importo di 3,5 milioni di euro, cui ne seguirà un secondo necessario per il completamento degli interventi.

Altri lavori nelle periferie


Partiranno anche i lavori del piano delle Periferie, presentato nel 2017. Un progetto importante che racchiude una serie di interventi di vario genere: la riqualificazione di viale delle Regioni con la sistemazione della piazza antistante la stazione Cittadella; il ridisegno di via Giaquinto con la realizzazione di una pista ciclabile bidirezionale e aree attrezzate con parcheggi per auto e biciclette, spazi per il gioco e la socializzazione; le corti di via Fiore e via Beethoven con la sistemazione dei cortili, la disimpermeabilizzazione delle superfici pavimentate e la piantumazione di nuovi alberi, la realizzazione di cisterne per la raccolta delle acque meteoriche a fini irrigui; l’ingresso al quartiere San Paolo con la nuova rotatoria in viale Europa; viale Puglia con la nuova piazza prospiciente la parrocchia San Paolo, la ridefinizione della sezione stradale con la realizzazione di aree attrezzate con parcheggi per auto e biciclette, il prolungamento della pista ciclabile bidirezionale fino alla nuova stazione metropolitana Regioni i cui spazi esterni saranno riqualificati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA