Rsa, primi esposti in Procura su gestione emergenza e misure di protezione

Venerdì 8 Maggio 2020
Arrivano le prime denunce della Procura sulla gestione dell'emergenza nelle Rsa della provincia di Bari. Sul contenuto degli esposti la magistratura barese che sta indagando sulla diffusione dei contagi nelle residenze per
anziani mantiene il massimo riserbo.

L'inchiesta, delegata ai carabinieri del Nas e alla Guardia di Finanza e coordinata dal procuratore aggiunto di Bari Roberto Rossi, è ancora senza indagati e ipotesi di reato e riguarda quattro strutture, il centro per anziani Don Guanella e la Rssa Villa Giovanna di Bari, il centro Nuova Fenice di Noicattaro e il centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano, dove complessivamente gli ospiti contagiati sono più di cento.

Nelle scorse settimane gli investigatori hanno acquisito documentazione nelle sedi delle Rsa e Rssa, negli uffici della Asl di Bari e dello Spesal, il Servizio di prevenzione sicurezza negli ambienti di lavoro. Concluse le acquisizioni, gli investigatori stanno cominciando a sentire i dipendenti. L'obiettivo di questa prima fase dell'inchiesta è verificare il rispetto delle misure di protezione per operatori sanitari e pazienti. © RIPRODUZIONE RISERVATA