Pronto soccorso in tilt: disagi a Monopoli. «Fino a 10 ore in sala d’attesa»

Pronto soccorso in tilt: disagi a Monopoli. «Fino a 10 ore in sala d’attesa»
3 Minuti di Lettura
Domenica 28 Agosto 2022, 09:05

«Tempi di attesa al pronto soccorso dell’ospedale “San Giacomo” di Monopoli: un calvario anche di 10 ore». A parlare è Angelo Giangrande, coordinatore della conferenza delle associazioni per la difesa delle strutture sanitarie monopolitane che da tempo si occupa del nosocomio ma che questa volta è stato testimone oculare delle lunghe attese a cui devono sottoporsi i pazienti che si recano, appunto, al pronto soccorso. «Giorni fa ho accompagnato mia moglie in ospedale a seguito di una caduta accidentale – racconta Giangrande -. Erano le 19.40. Presentava una distorsione al gomito e, secondo quanto ci viene detto dai medici, bisogna intervenire subito “a caldo” per riportare le ossa del gomito nella giusta allocazione. Viene quindi accettata e visitata dall’unica dottoressa in servizio alle ore 20.24 con assegnazione del codice azzurro che vuol dire urgenza differibile ed inviata in radiologia, che rilascia il referto alle 22.03». 

Un'attesa di quasi sei ore


Una lussazione per la signora che però non ha concluso il suo calvario. Infatti viene rimandata in accettazione e dopo altra lunga attesa inviata in ortopedia per il gesso. Poi altra radiografia e infine dimissioni alle ore 1.24 di notte. «La nostra permanenza in pronto soccorso è durata ben 5 ore e 44 minuti – va avanti Giangrande -. Ma posso ritenermi fortunato. Quando siamo arrivati al pronto soccorso vi era una mamma con una bambina che aveva bisogno di alcuni punti al mento che attendevano da 4 ore. Quando noi siamo andati via, dopo quasi sei ore, mamma e figlia erano ancora in attesa di una visita. Era lì da 10 ore. Altro che minuti come vanno raccontando alla Asl. Ed anche altri concittadini ci hanno riferito di altre incresciose situazioni».

La richiesta di spiegazioni


Da qui la stilettata al direttore sanitario dell’Asl barese Danny Sivo. «Che numeri dà il direttore – conclude Giangrande -? Oltre che relazionare sui tempi medi di attesa al pronto soccorso di Monopoli sarebbe opportuno che si impegnasse, come noi stiamo facendo da anni, per potenziarlo perché è impensabile che in alcune ore debba essere presidiato da un solo medico che insieme al personale infermieristico fa i salti mortali per sopperire alle esigenze di un vasto territorio». Giangrande chiede, nella nota inviata allo stesso Sivo, al direttore generale della Asl Antonio Sanguedolce e al sindaco di Monopoli Angelo Annese la nomina di un direttore effettivo al pronto soccorso, considerato che il reparto è retto da un facente funzioni. Infine, ha annunciato che a settembre nella commissione consiliare della Regione ci sarà un’audizione alla quale parteciperà il comitato per esporre i problemi che affliggono il reparto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA