Il principe Alberto di Monaco in Puglia: due giorni tra castelli e siti storici. «Consolidiamo relazioni durature»

Il principe Alberto di Monaco in Puglia: due giorni tra castelli e siti storici. «Consolidiamo relazioni durature»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Aprile 2022, 15:12 - Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 20:08

Il momento tanto è atteso è arrivato: il principe Alberto II di Monaco è arrivato a Terlizzi, nel Barese, prima tappa del suo tour in Puglia e Basilicata dove visiterà sei diverse città. Dopo Terlizzi sarà a Trani, poi domani a Canosa, Spinazzola e Matera e venerdì ad Alberobello. L'arrivo del principe a Terlizzi è stato salutato con lo scoprimento, all'ingresso della città, della targa «Terlizzi sito storico Grimaldi».

 

Il programma del principe

Poi il principe visiterà la chiesa di Santa Maria la Nova dove c'è la tomba di un suo antenato vissuto nel 1546. A seguire, in piazza Cavour, ci sarà il saluto ufficiale del sindaco Ninni Gemmato e l'esibizione degli inni nazionali. In corso Umberto sarà scoperta una iscrizione lapidea in memoria della Signoria dei Grimaldi di Monaco e nella Cattedrale di Terlizzi avverrà l'incontro con il vescovo monsignor Domenico Cornacchia.

L'evento conclusivo è in programma nella Pinacoteca Michele de Napoli, dove sarà esposta la preziosa croce d'argento donata al Capitolo della Collegiata di Terlizzi, da parte di Onorato Grimaldi che fu signore feudale e arciprete di Terlizzi.

Il discorso

«Sono molto lieto di questa iniziativa che sancisce formalmente quei rapporti che la storia ha forgiato e che la lealtà dei sentimenti ha saputo mantenere». Lo ha detto il principe Alberto II di Monaco durante la sua visita a Terlizzi, nel Barese, citando la nascita dell'associazione italiana dei Siti Storici Grimaldi di Monaco di cui Terlizzi fa parte.

«Con la vostra adesione - ha detto il principe - ripercorrete poco più di un secolo di storia cittadina dal 1532 al 1641. Una storia relativamente breve, ma ricca, a quel tempo inscritta in un contesto europeo e locale turbolento». Ha quindi ripercorso le tappe e le date più significative della storia che unisce Terlizzi a Monaco. «Anche se la vostra città è evidentemente molto cambiata dal XVII secolo, il suo volto da tempo mi è familiare - ha continuato il sovrano - : ne conservo ancora una veduta, tuttora esposta nei Grandi Appartamenti del Palazzo che fu realizzata per il mio avo Onorato II. L'ufficio filatelico e numismatico del Principato ha riprodotto questo dipinto in un francobollo, e mi piace sottolineare che gli antenati dell'attuale direttrice dell'Ufficio sono originari della vostra regione e ancora oggi portano a Monaco il nome della vostra città».

Terlizzi «è tuttora molto presente a Monaco, ma i nostri legami possono essere ulteriormente rafforzati» ha detto ancora il principe, approfittando dell'occasione per invitare il sindaco Ninni Gemmato «a partecipare a una futura edizione degli incontri dei Siti Storici Grimaldi di Monaco che si svolgerà sulla Place du Palais. Nel corso di un fine settimana di giugno del prossimo anno, da vivere all'insegna dell'amicizia e della convivialità, il suo comune potrà esporre le tradizioni, la cultura, la gastronomia e l'economia che le sono proprie». «Ciò che la storia ha creato quasi cinque secoli or sono - ha concluso - sarà quindi terreno fertile su cui consolidare relazioni durature».

© RIPRODUZIONE RISERVATA