Furti in appartamento con il trucco delle fascette: l'allarme

Le fascette
Le fascette
di Alfonso SPAGNULO
4 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Agosto 2022, 09:14 - Ultimo aggiornamento: 20:09

Furti in appartamento a Monopoli: l’incubo delle fascette. Sono decine le segnalazioni arrivate nelle ultime settimane di linguette di plastica trasparente rinvenute sulla soglia della porta d’ingresso delle abitazioni. Un segnale che la casa in questione è monitorata dai ladri. In via Remigio Ferretti, nei pressi del Sacro Cuore, lo scorso fine settimana, le linguette sono apparse in tutti i condomini mettendo in allarme i residenti. Un furto però è andato a segno mentre un altro colpo è andato a vuoto.

L'allarme dalle forze dell'ordine

Sono state le stesse forze dell’ordine a mettere in guardia la comunità e l’ha invitata a prestare massima attenzione perché quello delle fascette sarebbe l’espediente “estivo” dei ladri per aver memoria delle case in cui far ritorno. I balordi individuerebbero gli appartamenti vulnerabili, magari perché gli occupanti sono in vacanza, svolgendo un sopralluogo a seguito del quale andare successivamente a colpo sicuro. Solitamente la notte quando il sonno è più pesante, s’introducono nei palazzi, percorrendo a piedi le scale e posizionando tra la porta e lo stipite linguette trasparenti sottili di difficile individuazione ad occhio nudo. Se il giorno dopo sono al loro posto vuol dire che la casa è momentaneamente disabitata e diventa un probabile bersaglio dei malviventi. Quando la porta d’ingresso viene aperta, invece, le fascette cadono per terra indicando la presenza dei proprietari. Il consiglio è di passare la mano sulla soglia per sentire tra le mani le linguette. Se sono a terra comunque si avrà la prova di essere stati nel mirino dei balordi.

Ladri astuti

Ladri astuti e ben organizzati, tra l’altro, che non si servirebbero neanche del classico kit da effrazione (cacciavite, lastre, bancomat di plastica) per far ingresso in casa ma di una chiave cosiddetta “bulgara” in grado di aprire le porte blindate. Lo dimostrano i casi di furto perpetrati negli ultimi giorni, nella maggior parte dei quali non sono stati rinvenuti segni di effrazione a porte e finestre. Intanto non si fermano i furti nell’agro monopolitano. Sabato ignoti hanno svaligiato una villa in contrada Laghezza mentre i proprietari erano momentaneamente assenti. Così come non si fermano i furti di auto o componenti delle stesse. Un vero incubo per ogni monopolitano, in questo periodo, svegliarsi e trovare il proprio mezzo smembrato. Volanti multifunzione, cruscotti elettronici ma anche fanali, specchietti e pure optional tecnologici. E’ questa l’ultima frontiera dei furti su commissione.

I furti d'auto

A Monopoli, qualche notte fa, ad esser presi di mira sono stati i fanali posteriori di tre Fiat 500. Ai malviventi, specializzati in questo, bastano pochi secondi e i giusti arnesi per effettuare il colpo in maniera tranquilla e pulita, senza neanche far scattare gli antifurti. Bande d’esperti alla ricerca di auto su cui mettere le mani. A Monopoli le più gettonate, almeno a giudicare dalle denunce alle forze dell’ordine, sembrano essere ultimamente le Fiat 500, le Ala Romeo Stelvio e poi Audi e Bmw spogliate di componenti costosi pronti per essere rivenduti. Come i volanti, ormai dotati di comandi sofisticatissimi, Due sere fa ne è stato asportato uno da zona Porto Rosso. Ma si registrano casi anche di specchietti e tergicristalli. Un tentativo di furto di auto è avvenuto tre giorni fa in via Roma, all’intersezione su via Marconi. E ultimamente i ladri pare stiano agendo anche di giorno contando su un’abilità eccellente che permette loro di portar via il mezzo in pochi minuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA