Minacce e aggressioni al vicino di casa: divieto di avvicinamento per il condomine

Minacce e aggressioni al vicino di casa: divieto di avvicinamento per il condomine
Un divieto di avvicinamento è stato notificato a un uomo residente nel quartiere Poggiofranco di Bari dai poliziotti del Commissariato Nuova Carrassi con l'accusa di aver perseguitato un condomino. L'uomo era già destinatario di ammonimento adottato dal questore e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, a seguito della denuncia presentata dalla vittima del reato che da tempo subiva minacce di morte ed insulti. Tutto è iniziato nel 2012 quando, in qualità di consigliere dell'allora amministratore condominiale, la vittima aveva chiesto a tutti i condomini di fornire alcuni dati personali per l'istituzione, così come previsto dalla legge, del registro anagrafico condominiale. Una richiesta ritenuta eccessiva dal presunto stalker che fin da allora aveva iniziato a minacciare il suo condomino, anche in presenza della figlia. La situazione è peggiorata a partire dalla metà dello scorso anno quando lo stalker ha iniziato a perseguitare la sua vittima raggiungendola anche presso il luogo di lavoro. In una occasione aveva anche tentato di investirla con la propria auto. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 20 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento: 21:09