Mafia, otto anni di reclusione il cantante neomelodico Tommy Parisi: accusato di estorsione

Mafia, otto anni di reclusione il cantante neomelodico Tommy Parisi: accusato di estorsione
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Dicembre 2022, 12:20 - Ultimo aggiornamento: 19:52

Tommy Parisi, figlio del boss del quartiere Japigia di Bari "Savinuccio", è stato condannato a otto anni di reclusione e all'interdizione perpetua dai pubblici uffici per il reato di associazione mafiosa. Lo ha deciso il Tribunale di Bari a conclusione del processo di primo grado «Do ut des» riguardante decine di episodi di estorsione a cantieri edili che si sarebbero verificati - secondo l'accusa - imponendo guardianie e carichi di merci da fornitori amici.

È la prima volta che Tommy Parisi, conosciuto anche per essere un cantante neomelodico, viene condannato. Nell'ambito dello stesso processo sono state condannate altre otto persone. La pena più alta, a venti anni di reclusione, è stata inflitta all'imprenditore pregiudicato Emanuele Sicolo, recentemente arrestato nell'operazione «Levante» sul presunto riciclaggio di denaro derivante da evasione fiscale e frode sulle forniture di carburante per 170 milioni di euro.

Le altre condanne

Condannati anche gli imprenditori Alessandro Sicolo, fratello di Emanuele (10 anni) e Giuseppe Putignano (2 anni e 8 mesi). Assolti invece gli imprenditori Paolo Maiullari, per il quale la Procura aveva chiesto dieci anni, e Pasquale Barile, per il quale la richiesta era stata di sette anni. Confermata anche l'assoluzione, già chiesta dal pm, di un quinto imprenditore coinvolto, Raffaele Parisi. Tommy Parisi è stato anche condannato a risarcire le parti civili, fra le quali il Comune di Bari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA