Legionella, chiusi quattro plessi del “Perotti-Ruffo”

Legionella, chiusi quattro plessi del “Perotti-Ruffo”
di Alfonso SPAGNULO
3 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Novembre 2022, 22:04 - Ultimo aggiornamento: 22:08

Nel corso di alcuni controlli all’interno degli istituti scolastici di Cassano è stata riscontrata la presenza della legionella nelle tubazioni idriche di quattro plessi su cinque dell’istituto comprensivo “Perotti-Ruffo”. I controlli sono stati effettuati, in merito alla verifica di potabilità e al controllo della legionellosi, nei sistemi di accumulo e di distribuzione dell’acqua dall’operatore economico incaricato dal Comune dell’esecuzione del servizio di campionamento ed analisi, che ha comunicato la presenza di legionella nei campioni prelevati, in corso di precisa quantificazione, presso quattro plessi: precisamente presso le scuole d’infanzia “Regina Elena” e “Don Battista Armienti” (via cap. Galietti), la scuola primaria “Via Gramsci” e la scuola secondaria di 1° grado “V. Ruffo”.

L'ordinanza di chiusura

Il Comune ha emanato un’ordinanza di chiusura temporanea di questi plessi per consentire l’attività di lavaggio, disinfezione e sanifìcazione dei sistemi di accumulo e della rete di distribuzione idrica. Scuola media e Primaria di via Gramsci rimarranno chiuse lunedì 28 novembre (con ripresa delle lezione già dal martedì), mentre nei due plessi della Scuola dell’Infanzia, l’attività didattica sarà sospesa lunedì 28 e martedì 29 novembre, con rientro al mercoledì. Non è stata riscontrata la presenza del batterio nel plesso di via Convento, dove l’attività didattica si svolgerà normalmente. I controlli sono stati effettuati nell’ambito delle linee guida in cui si raccomanda l’implementazione di un protocollo di controllo del rischio legionellosi che viene applicato in ogni struttura (sia civile sia industriale) nella quale siano presenti impianti potenzialmente a rischio legionellosi. Tra le categorie chiamate in causa anche gli istituti scolastici.

La prevenzione

Per un’efficace prevenzione è d’obbligo effettuare con periodicità (almeno biennale, preferibilmente annuale) la valutazione del rischio legionellosi, atto fondamentale per acquisire conoscenze sulla vulnerabilità degli impianti in termini di potenziali di proliferazione batterica al loro interno e di esposizione ad aerosol d’acqua che essi possono determinare. Quando a seguito di indagine batteriologica delle acque, si riscontra la presenza di Legionella, indipendentemente dalla carica riscontrata, si procede all’attivazione della procedura di manutenzione straordinaria (decontaminazione e bonifica). 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA