Ingorghi e incidenti davanti al varco del porto: caos in via di Maratona. L'assessore annuncia: «Presto una rotatoria»

Ingorghi e incidenti davanti al varco del porto: caos in via di Maratona. L'assessore annuncia: «Presto una rotatoria»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Settembre 2022, 08:42 - Ultimo aggiornamento: 11:11

Ingorghi e incidenti davanti al varco del porto: caos in via di Maratona. L'assessore annuncia: «Presto una rotatoria». Ogni giorno è il caos soprattutto in orari di punta. E la situazione peggiora in concomitanza con il mercato del lunedì. L'incrocio di via di Maratona con via Portoghese, nel rione Marconi, è ormai un incubo per i residenti ma non solo. Rappresenta una delle intersezioni più pericolose della città proprio per la presenza dei tir che, una volta sbarcati dal porto, usano prima via Portoghese e poi via di Maratona per raggiungere via Napoli e successivamente la tangenziale. «Un vero incubo raccontano i residenti ogni giorno dobbiamo sperare di riuscire ad attraversare con le auto senza incidenti. Gli scontri, i litigi, sono quasi all'ordine del giorno ed anche per i pedoni la strada non è sicura».


Sono anni che i residenti chiedono una maggiore attenzione sulla questione. «Qui ci sono scuole, c'è una chiesa, c'è lo stadio del nuoto continuano i residenti sono strade frequentate da famiglie, da bambini. Bisognerebbe garantire una certa sicurezza. Noi residenti poi ci ritroviamo soffocati dallo smog a causa dell'enorme afflusso di veicoli, soprattutto di camion provenienti dal porto. Chiediamo da tempo un intervento, vogliamo solo poter attraversare in sicurezza».
Nel 2023, massimo i primi mesi del 2024, dovrebbero, salvo intoppi burocratici, cominciare i lavori per la realizzazione della rotatoria. Il Comune ha già redatto il progetto preliminare che prevede però l'esecuzione di un esproprio del terreno che si trova all'angolo di fronte alle piscine comunali. Le procedure sono già state espletate e il prossimo passaggio è il Consiglio comunale per il via libera all'apposizione del vincolo preordinato all'esproprio e la dichiarazione di pubblica utilità oltre che la conseguente variante urbanistica. «Subito dopo spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso prevediamo di sviluppare le fasi successive della progettazione, quella definitiva e quella esecutiva per poi fare partire la gara entro il 2023».


Un intervento davvero molto atteso che permetterà di mettere in sicurezza una delle zone, come detto, più pericolose della città. Il Comune sta puntando molto sulla sostituzione degli incroci con le rotatorie. Se fino a qualche anno fa le rotonde erano quasi sconosciute ai baresi, ormai sono diventate parti integranti della città e della mobilità, portando innegabili vantaggi dal punto di vista del traffico. In particolare quelle di via Amendola e le due in via Buozzi. Due strade dove l'attesa ai semafori, soprattutto nelle ore di punta, superava anche i dieci quindici minuti. Oggi è tutto innegabilmente più scorrevole.


«Se avvengono incidenti in rotatoria sono comunque di lieve entità - continua Galasso - anche perché quando si entra in rotatoria si è costretti a decelerare, cosa che non avviene ad esempio di notte quando ci sono i semafori lampeggianti agli incroci». Una delle rotatorie che ha portato più vantaggi dal punto di vista della sicurezza è quella di viale Magna Grecia con via Caldarola: qui quasi ogni sera si registrava un incidente perché le auto in arrivo dal ponte prendevano velocità. Cosa che non avviene più ora con la rotatoria. E nei progetti del Comune ce ne sono altre: sono in corso i lavori delle Fal per la realizzazione di quattro rotatorie nell'ambito di interventi da 18 milioni di euro ( la prima all'intersezione di via Tatarella, la seconda tra via Mazzitelli, viale Cotugno e via generale Bellomo, la terza a intersezione tra viale Pasteur, viale Solarino e via Delle Murge e l'ultima tra via Matarrese e viale Escrivà).
In corso anche i lavori per la realizzazione della rotatoria di via Caposcardicchio, nelle vicinanze dell'ospedale San Paolo. Partiranno i cantieri di altre cinque rotatorie tre su via Trisorio Liuzzi a Loseto, quella molto attesa a Baridomani e l'ultima nella nuova San Paolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA