Inferno sulla statale dopo la rapina al portavalori
Chiusa la 96 in direzione Bari

Una rapina è stata compiuta questa mattina verso le 7.30 ad un furgone portavalori dell'Ivri che stava percorrendo la statale 96, nei pressi di Mellitto nel Barese. Un commando armato ha bloccato il mezzo e per chiudere la strada ritardando l'arrivo delle forze dell'ordine, ha dato fuoco a due mezzi pesanti messi lungo la carreggiata. Per aprire il portavalori, i banditi hanno poi utilizzato delle ruspe. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco e un'ambulanza del 118. Al momento non si sa se all'interno del mezzo ci fossero soldi o preziosi. Sull'accaduto indagano i carabinieri di Altamura. A causa della rapina al portavalori e della presenza sulla carreggiata di due veicoli dati alle fiamme dai rapinatori, è stato necessario chiudere la strada in entrambe le direzioni.
Al momento il traffico viene deviato in direzione Bari al km 89,700 presso lo svincolo Cassano. Il personale Anas è presente sul posto per coordinare le attività di ripristino della circolazione e per la gestione della viabilità sui percorsi alternativi.
Era partito dalla sede Ivri di Bari ed era diretto a Matera per rifornire gli uffici postali del denaro necessario a pagare le pensioni, il portavalori assaltato questa mattina attorno alle 7.30 lungo la statale 96, in agro di Mellitto, nel Barese. Stando alle prime stime, il bottino ammonterebbe ad 1,5 milioni di euro. Il commando era composto da almeno quattro persone, mascherate e armate con fucili mitragliatori. I rapinatori, che hanno dato alle fiamme due mezzi pesanti lungo la strada per bloccare la carreggiata e proteggersi la fuga, hanno usato le ruspe per sfondare il blindato al cui interno erano in servizio tre guardie giurate. Nessuna di loro è rimasta ferita.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Mercoledì 2 Gennaio 2019 - Ultimo aggiornamento: 13:16