Scoppia l'incendio sulla nave: portata a Brindisi per le indagini

La capitaneria di porto di Brindisi
La capitaneria di porto di Brindisi
3 Minuti di Lettura
Sabato 2 Luglio 2022, 12:46 - Ultimo aggiornamento: 17:00

Un principio di incendio si è sviluppato questa mattina all'alba in una delle stive della nave portacontainer Cerus, battente bandiera del Kenya, lunga 220 metri, che navigava al largo di Bari. La nave era Partita da Koper e destinata a Misurata (Libia). 

Le verifiche a Brindisi

Le fiamme sono state già soffocate dai sistemi anti incendio della nave con la chiusura e sigillatura della stiva interessata, e pompando rilevanti quantitativi di CO2. Essendoci, in ogni caso, la necessità di verificare cause e conseguenze dell'incendio, d'intesa tra Direzione Marittima di Bari, Capitaneria di porto di Brindisi e Autorità di sistema portuale, la nave è stata dirottata verso il porto di Brindisi in tarda mattinata. Attualmente è in corso un vertice operativo in Capitaneria a Brindisi. La nave resterà in rada oggi per un'ispezione dei vigili del fuoco.

Gli sviluppi

La nave sarà ormeggiata presso la diga di Punta Riso, nel Porto esterno di Brindisi. Saranno ripianate le scorte di CO2 (che sono state utilizzate per soffocare il principio di incendio). Martedì la nave dovrebbe essere trasferita presso la banchina di Costa Morena Nord, dove saranno scaricati gli altri 52 contenitori di coperta ed essere, quindi, nuovamente spostata  a Punta Riso per l’apertura del boccaporto della stiva n3 (interessata dal principio di incendio) al fine di verificare, a cura del vigili del fuoco, cause e conseguenze dell’evento.

Nessun ferito a bordo

Nessuna conseguenza per i 23 membri dell'equipaggio. L'incendio a bordo della nave, partita da Capodistria e diretta in Libia, si è sviluppato mentre navigava al largo della costa di Vieste (Foggia). A quanto si apprende dall'Autorità di sistema portuale mare Adriatico meridionale (AdspMam), la nave resterà sotto la vigilanza della Capitaneria di Porto, dei Vigili del Fuoco, della Security dell'AdspMam e dei servizi tecnici nautici. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA