Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

In piazza per difendere i diritti Lgbt: torna il Pride a Bari

In piazza per difendere i diritti Lgbt: torna il Pride a Bari
2 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Maggio 2022, 14:25

Torna a Bari dopo tre anni la parata per i diritti Lgbtqia+. «Il 2 luglio si torna in piazza per i diritti» dicono gli organizzatori del Bari Pride, lanciando una raccolta fondi su produzionidalbasso.it. «Vogliamo tornare per le strade con una vera marcia dopo due anni molto difficili, in cui abbiamo toccato con mano cosa significa non avere possibilità di riunirsi, non poter condividere la propria felicità e le proprie preoccupazioni con persone che vivono le nostre stesse esperienze - dichiarano i portavoce Asia Iurlo e Leoluca Armigero - . L'affossamento del Ddl Zan ha fatto riflettere su come ci sia ancora un potere politico che pretende di poterci tenere ancora ai margini, ancora deboli, ancora senza diritti». A causa della pandemia per due anni la parata non ha sfilato per le strade della città. L'ultimo corteo si è svolto nel 2019, poi nel 2020 c'è stata una manifestazione statica in piazza e lo scorso anno un evento, sempre statico, in un giardino cittadino.

Ucraina, appello al patriarca per lo stop alla guerra. La polemica di Amati: «Si chiede aiuto a chi ha detto che è giusto punire gli amici dei gay»

La richiesta degli organizzatori

Per realizzare la parata 2022 gli organizzatori chiedono anche un aiuto economico. «In altre città d'Italia, con grossi Pride molto visibili - spiegano - , a coprire i costi della parata sono grosse aziende multinazionali che usano l'impegno civile solo per marketing ma poi non rendono giustizia, ad esempio, nel trattamento dei loro dipendenti, soprattutto nei Paesi più poveri. Per questo non abbiamo voluto accettare i finanziamenti di chi crediamo responsabile diretto dello sfruttamento delle persone e del pianeta. Bari Pride è di tuttə e per tuttə: crediamo che chi impoverisce i territori, in Puglia o nel resto del Mondo, non possa sostenere veramente la causa per la dignità di ciascunə».

© RIPRODUZIONE RISERVATA