In diecimila al Bari Pride. Sfila anche il sindaco Decaro

In diecimila al Bari Pride. Sfila anche il sindaco Decaro
3 Minuti di Lettura
Sabato 2 Luglio 2022, 19:43 - Ultimo aggiornamento: 21:02

«Il colore dell'amore è universale, dopo 53 anni noi esistiamo e resistiamo. Abbiamo tanto da fare e non ci fermeremo mai. Il Bari pride non è un Carnevale ma una manifestazione di diritto e di colore». È il coro unanime dei partecipanti al corteo del Bari Pride, partito poco dopo le 17.30 da piazza Umberto: secondo gli organizzatori sono circa 10mila i manifestanti e in testa al serpentone arcobaleno c'è anche il sindaco del capoluogo pugliese e presidente dell'Anci, Antonio Decaro. 

 

Il sindaco in testa al corteo

«Il Pride è un momento di confronto e di riflessione, è anche una protesta pacifica rispetto al fatto che ci sono diritti di tante persone che non vengono riconosciuti. Ognuno di noi qui è venuto portando la propria esperienza. Io ho portato quella del sindaco: ho visto molto dolore in molte persone che si sono sentite discriminate, alcune sono state addirittura aggredite». Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro. «Porto con me però - ha aggiungo il sindaco - anche la gioia di aver visto tante persone poter testimoniare il proprio amore davanti a tutti grazie alle unioni civili. La prima volta mi è capitato di unire civilmente due persone che hanno avuto i figli del precedente matrimonio che facevano da testimoni a quell'unione, ed erano tutti felici. E questo credo sia importante per la nostra città e il nostro Paese». «Oggi - ha concluso - tuteliamo i diritti di tutti. Dietro i colori della bandiera Lgbtqi ci sono il diritto ad amare e quello ad essere se stessi». 

Le rivendicazioni

«Vogliamo il diritto del futuro, per questo adesso appendiamo la nostra bandiera al palazzo delle poste dell'università di Bari. Noi - ha detto Asia Iurlo, portavoce del Bari Pride - vogliamo la rivoluzione». Musica, bandiere e striscioni accompagnano la manifestazione. «Portiamo in piazza le nostre voci, contro un blocco di odio che ci vorrebbe in silenzio e ai margini - sottolinea Iurlo - alla vergogna degli applausi per l'affossamento del ddl Zan, vogliamo che si risponda in un solo modo: con l'approvazione, integrale, della legge regionale contro l'omo-lesbo-bi-transfobia». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA