I dehors al centro delle polemiche: il nuovo regolamento non piace

Venerdì 24 Giugno 2022 di Antonella TESTINI

Dehors si, dehors no. E ad Altamura esplode la polemica con la città divisa in due. E con i litigi politici che non accennano a diminuire. È questa la polemica che da settimane tiene banco a palazzo di città e che ha già causato non poche spaccature anche all'interno dell'amministrazione Melodia. Pomo della discordia il nuovo regolamento per l'istallazione dei dehors approvato dall'amministrazione e impantanatosi in consiglio comunale.

Le questioni che agitano gli animi sarebbero molteplici a cominciare da una serie di divieti nella occupazione del suolo pubblico secondo cui sono esclusi dalla possibilità di piantare tavolini all'esterno tutte le attività che non hanno autorizzazione alla somministrazione, come le pizzerie da asporto. Altra questione riguarda il numero di tavolini che secondo il regolamento dovrebbe essere pari al numero di posti a sedere presenti all'interno del locale.

La rabbia degli esercenti

Vincoli e lacci che hanno mandato su tutte le furie gli esercenti altamurani molti dei quali ancora in attesa delle dovute autorizzazioni nonostante l'estate sia cominciata da un pezzo. Questioni a cui si aggiungono problemi di natura procedurale poiché la giunta Melodia ha affidato il compito di staccare le autorizzazione per i dehors direttamente all'ufficio Suap e non più agli uffici comunali come era sino allo scorso anno. Una decisione che ha reso più complicata e costosa tutta la procedura. Esercenti sul piede di guerra mentre da palazzo di città una nota ufficiale ammette che vi sono incertezze circa la procedura da seguire in merito ai dehors.

Intanto Il centro destra, dentro e fuori il consiglio comunale, attacca con Forza Italia che invita la sindaca e seguire le disposizioni contenute nell'emendamento del senatore di Forza Italia Dario Damiani con cui si proroga al 30 settembre 2022 la possibilità di ottenere le concessioni per le occupazioni di suolo pubblico o per l'ampliamento con procedura semplificata. «Inoltre, lo stesso emendamento ribadiscono da Forza Italia - prevede la possibilità di installare strutture amovibili come dehors e pedane anche su vie e piazze di interesse storico-culturale senza necessità delle autorizzazioni richiesta dal decreto legislativo n. 42/2004». Nelle prossime ore è attesa l'approvazione di una nuova delibera di giunta che dovrebbe innanzitutto fare chiarezza sulle procedure e poi stilare un vademecum per l'istallazione dei dehors. Delibera attesa già per lo scorso martedì ma di cui non si hanno ancora notizie.

Ultimo aggiornamento: 08:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA