Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cybersecurity, intelligenza artificiale contro i furti dati su auto

Cybersecurity, intelligenza artificiale contro i furti dati su auto
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Giugno 2022, 15:57

Un Vehicle Soc-Security Operations Center per autoveicoli è la nuova tecnologia di Intelligenza Artificiale sulla cybersecurity di Exprivia, gruppo internazionale pugliese specializzato in Information and Communication Technology. La tecnologia serve a contrastare attacchi informatici agli autoveicoli e salvaguardare i passeggeri, con una prima applicazione nel Vehicle-SOC di Macnil GT Alarm, produttore di sistemi IoT e antifurti satellitari auto con sede a Gravina in Puglia (Bari).

Una rivoluzione digitale

«Con la rivoluzione digitale che sta attraversando il mondo automotive, investire nella sicurezza informatica è diventata una priorità - afferma Domenico Raguseo, direttore Cybersecurity di Exprivia - . Sugli autoveicoli ci sono un elevato numero di sensori, attuatori e unità di controllo estremamente intelligenti, collegati spesso mediante protocolli open. Possono essere considerati dei veri e propri data center in itinere, esposti a elevate vulnerabilità e attaccabili in qualsiasi momento per motivi differenti».

A rischio possono essere i server a cui i veicoli si collegano o le app mobile per gestire le auto a distanza, o ancora i sistemi bluetooth. Il dispositivo di Exprivia può contrastare il furto di dati sensibili o l'acquisizione del controllo della guida da parte di un soggetto terzo e scongiurare incidenti. «Anche le recenti normative europee sui nuovi modelli automobilistici sono orientate a innalzare il livello di sicurezza cyber - prosegue Raguseo - nell'ottica dello sviluppo di una mobilità sostenibile che risponda a standard di omologazione tanto tecnico-amministrativa, quanto informatica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA