Crimini di guerra commessi dai soldati russi su civili ucraini: la Procura di Bari ha aperto un'indagine

Mercoledì 11 Maggio 2022

Crimini di guerra commessi dai soldati russi su civili ucraini: la Procura di Bari ha aperto un'indagine. Il fascicolo d'inchiesta barese è aperto a carico di ignoti per «collaborazione internazionale su crimini di aggressione». Fa seguito alla richiesta avanzata da Eurojust alle Procure presso la Corte penale internazionale e nei diversi Stati membri di «conservare, analizzare e archiviare le prove relative a crimini contro l'umanità commessi in Ucraina». A Bari l'indagine, delegata alla Polizia, è coordinata dal procuratore Roberto Rossi e dall'aggiunto Francesco Giannella.

Economia di guerra, quali sacrifici per l’Italia? La spesa e le bollette costeranno di più

Nel fascicolo d'inchiesta aperto dalla Procura di Bari su presunti crimini di guerra commessi da soldati russi nei confronti di civili ucraini, sono già stati raccolti i racconti di numerosi profughi in fuga dalla guerra e arrivati nelle scorse settimane in Puglia. A quanto si apprende da fonti inquirenti, tutti coloro che arrivano, soprattutto in aereo da Cracovia, vengono sentiti dai poliziotti. «Racconti terribili» dicono gli investigatori, sui cui contenuti mantengono il massimo riserbo. Tra i reati che potrebbero essere ipotizzati una volta raccolte tutte le testimonianze, ci sono anche crimini sessuali, ma soprattutto omicidi e violenze di ogni genere.

Denis Prokopenko, il comandante di Azov trasformato da due settimane di assedio: nell'ultimo video è irriconoscibile

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 12:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA