Capodanno da tutto esaurito a Bari: alberghi e B&b già pieni

Capodanno da tutto esaurito a Bari: alberghi e B&b già pieni
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Novembre 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 14:09

I turisti continuano a scegliere Bari come meta per le loro vacanze. Dopo una estate e soprattutto dopo un ottobre e novembre sold out anche i dati di dicembre delle strutture ricettive sono positivi. Ovviamente non si parla di grandi numeri come quelli dei mesi precedenti, ma la città si avvia a registrare il tutto esaurito a Capodanno. Si assisterà ad una piccola flessione dei dati quindi a Natale, ma per la festa di fine anno gli addetti ai lavori anticipano il “tutto esaurito”.

Già molta richiesta


Bari a Natale è meta solo per chi rientra in famiglia ma rimane comunque molto attrattiva per la festa di fine anno. «C’è già molta richiesta - spiega Giovanna Castrovilli, presidente dell’associazione extralberghiero Terra di Bari - cominciano già ad arrivare le prenotazioni, non abbiamo ancora dati certi ma andiamo verso il sold out». Bari quindi continua ad incantare i turisti. La città vecchia per esempio per alcuni turisti (si legge nelle recensioni di Tripadvisor), è considerata «in assoluto il più posto autentico e identitario mai trovato in giro per il mondo». Un’altra turista descrive la città come «un universo parallelo fatto di stradine romantiche e interessanti architetture romaniche. Insomma un paesaggio fiabesco». Fanno tra l’altro anche ben sperare le guide turistiche, soprattutto internazionali che descrivono ormai la Puglia, come “the place to be”, una meta quindi assolutamente “da visitare”. Il turismo a Bari, quindi cresce e non si ferma più ai soli mesi estivi. Il centro murattiano, ma anche la periferia, si stanno adeguando a tale fenomeno e molti imprenditori baresi, che hanno fiutato il business, continuano ad investire in strutture ricettive. Negli ultimi mesi infatti continuano a nascere in maniera esponenziale boutique hotel e B&b. E tanti hanno scelto di coprire una fetta particolare di mercato: il turismo di lusso.

I prezzi

I prezzi delle camere “luxury” si avvicinano a quelli degli alberghi, con una media di 150- 170 euro a notte per due persone. In alcune nuove strutture nate da poco (ma in questo caso si tratta di boutique hotel con spa e non più di bed and breakfast) per un weekend di fine novembre si arriva a spendere anche 300 euro a notte sempre per due persone. Ma siamo nel pieno centro della città di Bari con a disposizione una piscina privata in camera. I prezzi salgono notevolmente in prossimità del Natale e soprattutto di Capodanno: la stessa camera arriva a costare, prenotandola adesso, circa 500 euro a notte. Sono anche nate delle vere e proprie piattaforme che offrono selezione di camere esclusivamente «arredate finemente con rifiniture di pregio. Situate nelle più belle strade del centro della città di Bari per raggiungere le vie dello shopping, monumenti e luoghi culturali. Con materassi traspiranti, parcheggi, macchinetta del caffè e accesso alla struttura in qualunque momento e in maniera riservata». Insomma si offre un soggiorno dotato di ogni tipo di confort e con una particolare attenzione all’accoglienza del turista. Castrovilli ci conferma questo trend e la voglia di investire «nel turismo di lusso». «A Bari - spiega- c’è stata una richiesta, sempre più pressante, di strutture luxury, anche per la scarsa presenza in città di alberghi. Molti dei nostri ospiti desiderano una soluzione di alto livello. E le strutture attualmente presenti in città lavorano e anche molto bene. Si tratta - chiarisce Castrovilli - ovviamente di un mercato di nicchia molto apprezzato prima del Covid dagli americani e poi successivamente dai russi. Ed è un trend indubbiamente in crescita. Si stanno realizzando molte strutture e ci sono anche grossi investimenti. Quello che caratterizza il luxury - conclude il presidente - è l’accoglienza, cosi come i servizi molto più personalizzati al cliente. Questo cerca ora il nuovo turista. E’ un segmento che andrà sempre più crescendo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA