Bulli aggrediscono vigile e cercano di rubargli la moto. Il sidaco: «Persone così non sono gradite a Giovinazzo»

Bulli aggrediscono vigile e cercano di rubargli la moto. Il sidaco: «Persone così non sono gradite a Giovinazzo»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Agosto 2021, 13:43 - Ultimo aggiornamento: 20:08

Bulli in azione nel barese. Questa volta però ad avere la peggio è stato un vigile urbano del comune di Giovinazzo accerchiato da una ventina di giovani che hanno cercato di rubargli la moto. Il sindaco«Aggredito senza alcuna ragione. Persone così non sono gradite a Giovinazzo». Avviate le indagini.

La ricostruzione dei fatti

Ancora una banda di bulli in azione nel Barese. Dopo i due casi denunciati a Casamassima ai danni di due bimbi, questa volta è il sindaco di Giovinazzo a riferire di un'aggressione avvenuta ieri pomeriggio alle 17.30 sul lungomare di Ponente: vittima un agente della polizia locale che è stato circondato da una ventina di ragazzini e aggredito.

LEGGI ANCHE: Un 12enne e una bimba disabile vittime di bullismo. Due casi in villa a Casamassima. Il sindaco: chi sa denunci

Secondo la ricostruzione del sindaco Tommaso Depalma, l'agente sarebbe stato aggredito verbalmente «senza alcuna ragione». Al gruppetto di ragazzini iniziale si sono aggiunti altri amici che, nonostante procedessero in controsenso sul lungomare, non solo non si sarebbero fermati all'alt imposto dagli agenti, ma avrebbero anche cercato di sottrarre la moto di servizio al vigile cercando di strappare le chiavi del veicolo.

Al momento una sola persona è stata identificata, ma sono in corso ulteriori indagini per risalire alle identità degli altri. Le accuse sono di oltraggio, resistenza, favoreggiamento e rifiuto di declinare le proprie generalità. «Persone così non sono gradite a Giovinazzo - dichiara il primo cittadino - questa città è aperta solo alle persone perbene rispettose delle regole, delle leggi e del prossimo. Gentaglia del genere non la vogliamo nella nostra città. Esprimo tutta la mia solidarietà all'agente minacciato, noi saremo sempre dalla parte delle regole e ci assicureremo che gli autori di questo vile gesto vengano tutti identificati e denunciati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA