Clan Conte, dal doppiofondo spunta un milione e mezzo di euro. L'operazione a Bitonto - VIDEO

Clan Conte, dal doppiofondo spunta un milione e mezzo di euro. L'operazione a Bitonto
3 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Marzo 2022, 13:09 - Ultimo aggiornamento: 20:05

Nuovo scacco al Clan Conte. Nella mattinata di sabato, a Bitonto, i poliziotti della Squadra Mobile di Bari, coadiuvati da personale del Servizio di Polizia Scientifica di Roma, hanno eseguito una serie di perquisizioni domiciliari finalizzate alla ricerca di armi, droga e denaro, provento di attività illecite riconducibili al sodalizio criminale.

Video

Nell’occasione, gli agenti della Squadra Mobile della Questura e del locale Commissariato hanno eseguito approfondimenti anche con l’ausilio delle più moderne tecnologie, in dotazione al Servizio di Polizia Scientifica, che permettono la scansione e ricerca di eventuali vani occultati all’interno delle mura.

Nel corso di una delle predette attività, nell’abitazione di un soggetto riconducibile per vincoli familiari direttamente al promotore della citata organizzazione, Conte Domenico, occultata in un doppio fondo di un armadio, sono stati rinvenuti 1.465.500 euro in contanti.

Il “custode”, muratore di professione, non è stato in grado di giustificare il possesso del danaro e, pertanto, è stato denunciato per il reato di favoreggiamento reale; l’ingente somma in contanti, in banconote di vario taglio, considerata presumibilmente frutto delle attività illecite del clan, veniva sottoposta ad un sequestro preventivo d’urgenza, eseguito ancora nella fase delle indagini preliminari, che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa.

Pochi giorni fa la sfilza di arresti nel gruppo

Solo pochissimi giorni addietro, il gruppo criminale era stato colpito dall’esecuzione, da parte degli uomini della Polizia di Stato, dell’operazione “Market drugs”, in forza di un’ordinanza di custodia cautelare, richiesta da questa Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 43 soggetti, ritenuti promotori e partecipi della citata organizzazione criminale, dedita al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso.

L’odierno sequestro, che colpisce il presumibile frutto di attività illecita (che, come documentato, permetteva un indotto d’affari d’indubbio rilevo, consentendo, attraverso gli “stipendi” il mantenimento degli affiliati) si colloca nel contrasto ai capitali illeciti, promosso dalle Istituzioni Statali, volto a sottrarre linfa economica alle organizzazioni criminali operanti sul territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA