Battiti e Locus Festival: la città fa il pienone. E ora 50mila per Vasco

Battiti e Locus Festival: la città fa il pienone. E ora 50mila per Vasco
di Elga MONTANI
5 Minuti di Lettura
Domenica 19 Giugno 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 09:17

Sono tornati i grandi eventi a Bari dopo due anni e ora non si fermano più, sino a settembre. Nonostante le lamentele dei cittadini nei giorni scorsi, a causa dei diversi divieti e le problematiche insorte per coloro che abitano nella città vecchia, una grande folla di baresi e non solo (si calcolano 60mila persone in due giorni) ha accolto i propri beniamini che hanno solcato il palco dello spettacolo. Un evento che torna dopo lo stop causa Covid e che ha portato ad esibirsi artisti del calibro di Fedez, Achille Lauro, Alessandra Amoroso, Elodie, Francesco Renga, i Boomdabash, Annalisa, Rocco Hunt, Elettra Lamborghini. Senza considerare le esibizioni on the road che hanno visto esibirsi, Noemi da Cisternino e La Rappresentante di Lista da Ceglie Messapica, Albe da Vieste e Tommaso Paradiso da Manduria. L’evento non si esaurisce con la realizzazione live delle due serate, in quanto, grazie alla collaborazione con Mediaset, Bari andrà in onda su Italia Uno nei prossimi mesi. Ma la giornata di ieri non è stata caratterizzata solo dalla seconda serata dedicata a Battiti.

Il Locus nel porto


Nel porto si è tenuta l’anteprima del Locus Festival che ha portato in città, in esclusiva, gli alt-J, celebre formazione indie-rock creata a Leeds da Joe Newman, Gus Unger-Hamilton e Thom Sonny Green. La band ha presentato il nuovo album, pubblicato a febbraio del 2022, e intitolato “The Dream”. L’area in cui la band si è esibita è stato lo spazio antistante il Faro Borbonico nel Porto di Bari, «luogo evocativo di cultura, turismo e accoglienza». L’evento rientrava nella quinta edizione della “Festa del mare”, promossa dalla Regione Puglia e realizzata dal Teatro Pubblico Pugliese nell’ambito del protocollo d’intesa 2022 con Puglia Promozione. La location scelta non è stata selezionata per caso.


Un nuovo festival sul mare


Al riguardo, il sindaco Decaro ha sottolineato: «Pensiamo di portare qui un festival, della durata di tre giorni, simile a quello di Barcellona o Copenaghen. Vogliamo utilizzare il porto come accade in altre città e quella di ieri è stata la prima sperimentazione». Tanti gli eventi che arriveranno a Bari nei prossimi giorni, tra i quali non possiamo non citare Vasco Rossi, che terrà il suo concerto allo stadio San Nicola nella serata di mercoledì prossimo, Cesare Cremonini, Ultimo, i Chemical Brothers che arriveranno per il Medimex nella rotonda della Fiera del Levante. «Qualche anno fa ci dicevamo che in estate a Bari non c’era niente, adesso ci sono tante iniziative, anche se portano con sé qualche disagio – aggiunge il primo cittadino -. Con il concerto degli alt-J parte la Festa del Mare, poi ci sarà il Bari Piano Festival, Bari in Jazz, il festival di Nino Rota, una serie di eventi per animare le serate non solo dei baresi, ma anche di tutti i turisti che ci vengono a visitare». «La nostra città – conclude Decaro – ha oggi una dimensione tale da ambire ad ospitare un festival internazionale come accade in altre capitali europee. Se la sperimentazione andrà bene, dal prossimo anno inizieremo a fare un festival anche noi». Per l’evento al porto è stato predisposto un piano per i parcheggi che prevede che chi ha comprato il biglietto possa parcheggiare nell’ansa di Marisabella, e sfruttare poi delle navette messe a disposizione da Amtab. Le navette collegavano proprio l’ansa di Marisabella al varco Dogana a partire dalle 18:45 fino al termine delle esigenze. 


Arriva Vasco


Nel frattempo, la città si prepara al grande evento di mercoledì, il concerto di Vasco Rossi, che vedrà oltre 50mila persone partecipare allo spettacolo. Dopo le tappe a Roma, al Circo Massimo, e in Sicilia, il Blasco approda a Bari con la sua immensa macchina organizzativa fatta di 221 persone, tra band, staff dell’artista, produzione e tutti coloro che sono addetti a montare il palco per lo spettacolo. Come detto, l’evento avrà luogo allo stadio San Nicola, dove i lavori sono stati sospesi in questi giorni proprio per dare spazio non solo a Vasco Rossi, ma anche a Ultimo che si esibirà anche lui nello stadio. L’organizzazione per il concerto di Vasco sarà comunque meno invasiva di quanto non siano stati in questi giorni i preparativi per il concerto di Battiti, in quanto mentre quest’ultimo si è svolto in pieno centro, Vasco Rossi arriva in periferia, in un’area più semplice da gestire. Si stanno definendo le ultime questioni, ma di sicuro verrà attivata un’area dedicata al parcheggio, per tutti coloro che vorranno raggiungere il luogo in auto, e allo stesso tempo potenziato il servizio autobus da e per lo stadio San Nicola, esattamente come accade per ogni partita di calcio del Bari. Intanto, il Comune ha emanato una apposita ordinanza per la sicurezza, la quale richiama prima di tutto una precedente ordinanza per la quale in caso di eventi vige il divieto di somministrazione e vendita di bevande in contenitori di vetro, in lattine e in bottiglie in plastica munite di tappo, sia all’interno che all’esterno dello stadio San Nicola e nel raggio di 500 metri dall’impianto sportivo. A tale divieto si aggiunge quello di non poter portare con sé lo stesso tipo di contenitori, e nemmeno spray al peperoncino o comunque contenenti sostanze urticanti. Tali divieti saranno in vigore dalle 6 del 22 giugno, alle 6 del 23 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA