Bari, indagine su ospedale covid: Gdf a casa del presidente della società Cobar Barozzi. Indagato il figlio dell'imprenditore

Controllata anche l'auto del presidente. L'avvocato: indagato il figlio Domenico. Sequestrati pc e documenti relativi all'appalto

Bari, indagine su ospedale covid: Gdf a casa del presidente della società Cobar Barozzi. Indagato il figlio dell'imprenditore
3 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Gennaio 2022, 15:31

Prosegue l'indagine della Procura sull'ospedale Covid nella Fiera del Levante. La Guardia di Finanza di Bari ha eseguito, questa mattina, delle nuove perquisizioni: su delega del procuratore Roberto Rossi e dell'aggiunto Alessio Coccioli, i finanzieri hanno perquisito l'auto e l'abitazione di Vito Barozzi, presidente della società Cobar di Altamura, che con un raggruppamento di imprese si è aggiudicata nell'autunno 2020 l'appalto per la realizzazione della struttura.

Tangenti, perquisizioni della Finanza sull'Ospedale Covid della Fiera del Levante. Indagato Barozzi, controlli a cinque imprenditori anche salentini

«Barozzi non è sottoposto ad indagine»

«Vito Barozzi non è attualmente sottoposto ad indagine» precisa il professor Vito Mormando, che difende l'azienda. Lo è, invece, il figlio Domenico, procuratore e braccio operativo della società, destinatario ieri di una perquisizione che ha portato al sequestro di pc e documenti relativi all'appalto. Domenico Barozzi risponde di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e falso ideologico. L'inchiesta conta al momento nove indagati e riguarda non soltanto l'ospedale Covid ma decine di altri appalti legati all'emergenza pandemica affidati dalla Protezione civile regionale negli ultimi due anni.

Lerario, l'emergenza e gli affidamenti ai fornitori: «Appalti spacchettati per accontentare gli amici»

Nell'ambito dell'indagine, l'ex capo della Protezione civile Mario Lerario è stato arrestato in flagranza il 23 dicembre, ed è ancora in carcere per corruzione, dopo aver intascato due presunte tangenti da altrettanti imprenditori pugliesi che avevano ottenuto dalla Regione appalti per lavori al Cara di Borgo Mezzanone e per la fornitura di moduli per l'emergenza Covid.

L'ex dirigente della Protezione Civile Lerario resta in carcere: no ai domiciliari

© RIPRODUZIONE RISERVATA